Politica | 11 aprile 2024, 13:10

Il ministro Urso a Stellantis: "Se non può fare 1 milione di veicoli, ben venga altro produttore"

L'esponente del governo Meloni attacca: "Una macchina che si chiama Milano non si può fare in Polonia". E sull'arrivo di un produttore automobilistico cinese in Italia chiarisce: "Ben venga"

Il ministro Urso a Stellantis: "Se non può fare 1 milione di veicoli, ben venga altro produttore"

Stiamo lavorando per mettere in condizione Stellantis di produrre almeno un milione di veicoli nel nostro paese. Per sostenere il sistema dell’indotto è assolutamente necessario arrivare a 1,4 milioni di veicoli”. A chiarirlo a Torino è il ministro delle Imprese Adolfo Urso, interpellato sulle dichiarazioni di ieri dell’ad di Stellantis Carlos Tavares.

Secondo produttore

“Se Stellantis ritiene di poterlo fare ben venga: altrimenti - ha aggiunto l'esponente del Governo Meloni - è inevitabile che ci sarà spazio per un’altra o più altre case automobilistiche".

"Siamo un libero mercato e possiamo e dobbiamo incentivare investimenti italiani o esteri ovviamente nelle regole del libero mercato e su questo ci stiamo confrontando con chi ritiene di costruire stabilimenti produttivi in Europa”, ha osservato ancora il ministro.

Tavares

Ieri Tavares è intervenuto a Torino, parlando anche di Mirafiori: Mentre ci sono fake news su Stellantis – ha spiegato - che vuole abbandonare l'Italia e smantellare Fiat. Noi qui ci sentiamo a casa, siamo leader di questo mercato. Non c'è motivo o intenzione di andarcene dell'Italia. E lo vogliamo dire proprio qui a Mirafiori”.

L’amministratore delegato era poi intervenuto sull'arrivo di un produttore automobilistico cinese in Italia. “I cinesi? – ha commentato - Noi non ce ne andiamo e anzi vogliamo combattere per rafforzare la nostra presenza qui in Italia. Con tutte le verifiche fatte, compresa LeapMotor, abbiamo accertato che il costo di produzione per loro è del 30% in meno. Chi vuole invitare qui i cinesi sarà responsabile di eventuali decisioni poco popolari che potrebbero derivare da questo".

"Ben venga produttore cinese"

Parole a cui oggi ha replicato Urso: ''Mi risulta che il partner cinese di Stellantis intende realizzare uno stabilimento in Europa e sta ragionando se farlo in Polonia o in altri Paesi. Potrebbe farlo in Italia, ben venga''. 

''In Spagna - ha aggiunto il ministro - ci sono 7 case automobilistiche, in Francia Polonia Germania Slovacchia Ungheria 5 o 6 . L'Italia è l'unico caso in Europa dove c'è solo una casa automobilistica, che non riesce a soddisfare le esigenze del mercato interno. È un'anomalia che va colmata''.

"Un'auto chiamata "Milano" non si può produrre in Polonia"

Urso oggi ha voluto mandare un messaggio a Stellantis, che ieri nel capoluogo lombardo ha presentato la nuova Alfa Romeo Milano: ““Un’auto chiamata ‘Milano’ non si può produrre in Polonia”.

“Questo lo vieta la legge italiana che nel 2003 ha definito l’Italian Sounding, che prevede di non dare indicazioni che inducano in errore il consumatore, indicazioni fallaci legate in maniera esplicita alle indicazioni geografiche. Quindi un’auto con il nome Milano si deve produrre in Italia, altrimenti si dà un’indicazione fallace che non è consentita dalla legge italiana”, ha precisato il ministro.

 

Cinzia Gatti

Leggi tutte le notizie di BACKSTAGE ›
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium