ELEZIONI REGIONALI
 / Politica

Politica | 11 aprile 2024, 21:01

“Aborto diritto fondamentale Ue”, arriva l’ok del Parlamento Europeo. FdI: "Inquietante"

La risoluzione, approvata con 336 voti favorevoli, 163 contrari e 39 astensioni, ha valore politico, ma non normativo: non è vincolante

“L’aborto sia un diritto fondamentale Ue”, arriva l’ok del Parlamento Europeo

“L’aborto sia un diritto fondamentale Ue”, arriva l’ok del Parlamento Europeo

Il diritto all’aborto sia un diritto fondamentale dell’Ue. Questo chiedono ufficialmente gli europarlamentari dopo il voto di oggi, 11 aprile.

La risoluzione, approvata con 336 voti favorevoli, 163 contrari e 39 astensioni, ha valore politico, ma non normativo: non è vincolante. Con il voto di oggi a Bruxelles, i parlamentari europei chiedono al Consiglio di inserire il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Ue. Nelle valutazioni dell’Europarlamento emergono criticità anche sull’Italia.

Cosa prevede la risoluzione

I deputati chiedono la modifica dell’articolo 3 della Carta per affermare che “ognuno ha il diritto all’autonomia decisionale sul proprio corpo, all’accesso libero, informato, completo e universale alla salute sessuale e riproduttiva e ai relativi servizi sanitari senza discriminazioni, compreso l’accesso all’aborto sicuro e legale”.

La risoluzione esorta i Paesi europei a depenalizzare completamente l’aborto in linea con le linee guida dell’Oms del 2022 e a combattere gli ostacoli all’aborto. In particolare, si invitano Polonia e Malta ad abrogare le leggi e le altre misure nazionali che ne limitano il diritto.

Obiettori di coscienza e l’Italia

Nel mirino dei 336 deputati favorevoli, il fatto che in alcuni Stati membri, l’aborto sia negato dai medici o da intere strutture per “obiezione di coscienza”. L’istituzione sottolinea, inoltre, che un eventuale ritardo nell’esecuzione dell’aborto può mettere in pericolo la vita o la salute della donna. Nonostante le parole della Ministra per la Famiglia e le Pari Opportunità Eugenia Roccella (“In Italia è molto più difficile trovare un ospedale dove partorire piuttosto che un ospedale dove abortire), il Parlamento Ue sottolinea che in Italia l’accesso all’assistenza all’aborto sta subendo erosioni, anche a causa di una forte presenza di medici obiettori di coscienza.

Come si è arrivati fin qui

Il Parlamento europeo ha discusso il tema a Strasburgo lo scorso 14 marzo, esortando gli Stati membri a garantire alle donne l’accesso all’aborto sicuro e legale.

Alla base di questa accelerazione decisa dagli europarlamentari, vicende politiche di segno opposto: da una parte la revoca dei diritti alla salute sessuale e riproduttiva in Ungheria e in Polonia; dall’altra lo storico voto dell’Assemblea legislativa della Francia che, il 4 marzo, ha inserito il diritto all’aborto in Costituzione.

Il voto d’Oltralpe è carico di significato anche negli equilibri politici dell’Ue: persino il partito di estrema destra di Marine Le Pen (Rassemblement National) si è espresso a favore dell’ingresso del diritto all’aborto nella Costituzione francese.

Quattro giorni dopo la deliberazione, lo stesso presidente francese Emmanuel Macron ha rilanciato la sfida a livello continentale, invitando le istituzioni europee a inserire l’aborto nella Carta dei diritti fondamentali Ue: “Guideremo la battaglia nel nostro continente, nella nostra Europa, dove forze reazionarie stanno attaccando i diritti delle donne prima di attaccare quelli delle minoranze”.

Presentando l’iniziativa del 14 marzo, l’europarlamentare danese Karen Melchior (Renew Europe) ha dichiarato: “Decidere del proprio corpo è un diritto fondamentale, non c’è uguaglianza se le donne non possono farlo, è impossibile senza diritto all’aborto”.

Aborto diritto fondamentale Ue: è possibile?

Il voto di oggi a Bruxelles, giova ricordare, ha valore politico e non normativo. Esprime la volontà degli eurodeputati dei 27 Stati membri di voler inserire l’aborto nella Carta dei Diritti fondamentali dell’Ue. Ora l’iter per modificare la Carta passa nelle mani del Consiglio Ue.

Secondo la centrista Nathalie Colin-Oesterlé (Ppe) “Il diritto all’aborto sicuro e legale è una questione anche di salute pubblica, qui stiamo costruendo l’Europa della Salute”. L’intenzione di Macron però, spiega l’europarlamentare francese, rischia di diventare “bella e impossibile” dal punto di vista tecnico.

Perché? Essenzialmente per due motivi: la salute non è competenza dell’Unione europea ma dei singoli Stati; la modifica della Carta dei diritti fondamentali Ue richiede il voto unanime.

E invece, tra i 27, ci sono diversi Paesi membri restii a inserire l’aborto nella Carta dei Diritti fondamentali Ue, come Malta, Polonia e Ungheria. Una situazione frustrante, spiega l’eurodeputata spagnola Eugenia Rodríguez Palop (La Sinistra): “L’Unione Europea ha un debito aperto con le donne, perché viene ancora tollerata la competenza nazionale per non accettare il diritto all’aborto o fare una caccia alle streghe”.

Un esito non scontato

Per Elisa Ferreira, commissaria Ue per la Coesione e le riforme, nonostante la posizione di alcuni Paesi l’esito non è scontato: “La Commissione non lascerà nulla di intentato per far avanzare i diritti fondamentali”, incluso l’aborto “sicuro e legale”.

Ferreira consolida il suo punto di vista spiegando che il diritto all’aborto è collegato ad altri fondamentali nell’Ue: il diritto alla salute, all’integrità fisica e mentale, alla vita familiare privata e alle cure familiari. Secondo la commissaria Ue per la Coesione e le riforme, anche se si tratta di una competenza nazionale, “I Paesi membri devono rispettare i diritti nelle relative Costituzioni e gli impegni assunti secondo il diritto internazionale”, compresa la possibilità, per tutti i cittadini europei, di avere accesso a trattamenti e cure mediche: “La salute riproduttiva ne fa parte”, chiosa Ferreira.

Il precedente del 2022

Già nel luglio del 2022 il Parlamento europeo aveva approvato una risoluzione per introdurre l’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Ue. Ci furono 324 sì, 155 no e 38 astensioni e quindi il voto non passò (per questo tipo di emendamenti, l’articolo 48 Tfue richiede l’unanimità).

Anche in quel caso, gli europarlamentari avevano risposto a un impulso esterno: pochi giorni prima, il 24 giugno 2022, la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva annullato la protezione garantita a livello federale dalla storica sentenza Roe vs Wade (1973). In pratica, da quel giorno ciascuno dei 50 Stati americani può limitare o vietare l’aborto di limitare o vietare l’aborto. Dopo l’inaspettata sentenza della Corte Suprema americana, molti eurodeputati avevano espresso piena solidarietà alle donne americane portando il tema dell’aborto nelle sedi del Parlamento Ue.

FdI: "Segnale inquietante"

"Il voto espresso oggi dalla Plenaria del Parlamento Europeo sulla proposta di risoluzione, sostenuta solo da S&D, Renew, Verdi e Sinistra, sull'inclusione del diritto all'aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, è un indicatore inquietante di quale progetto sociale abbiano in mente le sinistre per il futuro dell'Europa". Lo dicono il copresidente del gruppo Ecr al Parlamento europeo Nicola Procaccini, il capodelegazione di Fratelli d'Italia a Bruxelles Carlo Fidanza e l'eurodeputato di FdI Vincenzo Sofo, componente della commissione Libe.

"Come Fratelli d'Italia abbiamo sostenuto la mozione presentata da Ecr, che l'Aula ha bocciato, e che respinge la proposta di modificare la Carta dei diritti fondamentali per limitare o violare i diritti umani, e che esprime preoccupazione perché tali discussioni vanno oltre le competenze europee", spiegano da FdI. "Questa risoluzione infatti ha un approccio ideologico e pericoloso, non solo contro il diritto alla vita, ma anche contro i Trattati europei, che attribuiscono questi temi alla competenza esclusiva di ogni Stato membro. Spetta infatti ai cittadini di ogni Nazione, scegliendo con il voto i propri Governi e parlamenti, esprimersi sui temi etici. Noi saremo sempre i garanti di questo principio", concludono gli eurodeputati.

Divisa, invece, Forza Italia, che vede le eurodeputate Lucia Vuolo e Alessandra Mussolini a sostegno del testo, a differenza di Lara Comi, Salvatore De Meo e Lucia Zambelli, tutte contrarie. Compatto il no della delegazione di FdI, mentre si registra una defezione nella Lega, con l'eurodeputata Gianna Gancia, unica del gruppo Identità e Democrazia a sostenere il testo sul diritto di aborto.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium