Viabilità e trasporti - 07 giugno 2024, 18:15

Al via la stagione delle strade di alta quota nel Torinese

Come procede la riapertura degli itinerari gestiti dalla Città Metropolitana

Al via la stagione delle strade di alta quota nel Torinese

Al via la stagione delle strade di alta quota nel Torinese

Rese famose in tutto il mondo dal passaggio del Giro d’Italia al Colle delle Finestre e sulla strada che conduce al Colle del Nivolet, le strade d’alta quota gestite dalla Città Metropolitana di Torino saranno ancora una volta protagoniste di una stagione turistica estiva che promette di essere positiva per le vallate alpine che fanno da corona al capoluogo. Ogni anno il Dipartimento Viabilità e Trasporti, attraverso le Direzioni Viabilità 1 e 2, della Città Metropolitana investe ingenti risorse finanziarie e umane e impegnano numerosi mezzi meccanici per la pulizia e il ripristino delle carreggiate.

 

A METÀ DELLA PROSSIMA SETTIMANA LA PROVINCIALE 50 DEL COLLE DEL NIVOLET APERTA SINO ALLA DIGA DEL SERRÙ

 

Sulla Strada Provinciale 50 del Colle del Nivolet, teatro di una suggestiva tappa del Giro d’Italia 2019 con arrivo ai piedi della diga del Serrù, le operazioni di sgombero della neve sono in corso. La strada è stata liberata sino alla diga del Serrù, ma deve ancora essere messa in sicurezza. La riapertura sino al Km 11+550 dovrebbe avvenire a metà della prossima settimana. Nel tratto dalla diga del Serrù al Km 18+400 e ai 2612 metri del Colle del Nivolet la fresa della Città metropolitana è ancora in azione, per affrontare un manto nevoso consistente e maggiore rispetto alla primavera del 2023. La data della riapertura totale della Provinciale 50 dipenderà dallo stato di avanzamento dei lavori.

 

COLLE DELLE FINESTRE, LASSÙ DOVE OSANO I GRANDI DEL CICLISMO E DOVE AD AGOSTO TERMINERÀ IL TOUR DE L’AVENIR

 

In Valle di Susa sono in corso le operazioni per consentire la riapertura nel quarto fine settimana di giugno della Strada Provinciale 172 del Colle delle Finestre, che collega Meana con Depot di Fenestrelle, dopo aver superato i 2.176 metri del Colle e incrociato la strada comunale che da Usseaux sale al Pian dell’Alpe. Le prime operazioni in quota sulla strada ormai nota in tutto il mondo grazie al Giro d’Italia hanno riguardato la rimozione della neve ancora presente in alcuni punti nel tratto sterrato sino al Colle, che si trova al km 19. Il personale operativo del Circolo di Susa della direzione Viabilità 2 della Città Metropolitana è stato ed è tuttora impegnato nella manutenzione ordinaria, che comprende il controllo dei muri a secco a monte e a valle della carreggiata, la rimozione delle vegetazione che può eventualmente ostacolare il transito, la stesa di materiale stabilizzato fine, con l’obiettivo di rendere il piano viabile percorribile nel miglior modo possibile dagli utenti. 


Giovedì 6 giugno gli organizzatori dell’edizione 2024 del Tour de l’Avenir sono saliti al Colle delle Finestre per un sopralluogo con i tecnici della Città metropolitana, nell’ambito di una più ampia ricognizione del tracciato dell’ultima tappa della corsa, da Bobbio Pellice al Colle, passando per i Comuni della Val Pellice, la pianura del Pinerolese, la Colletta di CumianaGiavenoAvigliana (con il transito in corso Laghi) e la Bassa Valle di Susa sino a Meana, dove inizia la salita resa famosa in tutto il mondo dal Giro. Al Colle delle Finestre è prevista la premiazione “volante” dei primi tre classificati della tappa, mentre la cerimonia protocollare per la premiazione finale del Tour de l’Avenir si terrà nei pressi del campeggio comunale della frazione Fraisse di Usseaux.

 

Ricapitolando: Les Karellis-Condove e Bobbio Pellice-Colle delle Finestre per gli uominiPeisey-Vallandry-Condove e Bobbio Pellice-Colle delle Finestre per le donne saranno le impegnative tappe con le quali si chiuderà in bellezza l’edizione 2024 del Tour de l’Avenir, gara ciclistica che da 60 edizioni segnala i migliori atleti Under 23 del ciclismo internazionale. La prima tappa dell‘edizione 2024 della gara maschile partirà domenica 18 agosto da Sarrebourg, nel Dipartimento della Mosella del Sud. La manifestazione si concluderà sabato 24 agosto ai 2176 metri del Colle delle Finestre. La Gran Fondo Sestriere-Colle delle Finestre, in programma domenica 21 luglio, quest’anno può essere considerata come il test event del Tour de l’Avenir, che, a sua volta potrebbe preludere al tanto desiderato, dagli appassionati come dal territorio, passaggio o arrivo del Tour de France al Colle delle Finestre in una delle prossime edizioni.

Il giorno precedente, venerdì 23 agosto, l’arrivo del Tour de l’Avenir a Condove potrebbe essere l’occasione per un arrivo in volata nel centro storico del Comune valsusino. Prima di arrivare a Condove, i corridori percorreranno la Valle della Maurienne e saliranno al Colle del Moncenisio, punto di ingresso della corsa in territorio italiano. La prima frazione del Tour del l’Avenir femminile partirà e si concluderà nella stazione sciistica savoiarda di La Rosiere. Nelle ultime due frazioni la corsa ricalcherà in gran parte il percorso maschile. La partenza della tappa femminile conclusiva da Bobbio Pellice è fissata per le 9,45 di sabato 24 agosto. Dopo circa due ore e mezza, sempre da Bobbio Pellice, partirà l’ultima tappa del Tour de l’Avenir maschile.

 

COLLE DELL’ASSIETTA, BALCONE D’ALTA QUOTA A CAVALLO TRA VALLE DI SUSA E VAL CHISONE

 

La prossima settimana inizieranno le operazioni di pulizia e ripristino della carreggiata della Strada Provinciale 173 dell’Assiettainteramente sterrata da Pian dell'Alpe al Colle, che vedono impegnati i cantonieri del Circolo di Perosa e gli operatori del Centro mezzi meccanici della Città metropolitana. Attraversando versanti scoscesi a quote superiori ai 2.000 metri, la strada necessita di interventi per la rimozione di slavine, massi e pietrisco, la risistemazione della segnaletica verticale danneggiata dalle nevicate e dalle slavine e, quando necessario, il rifacimento di muri di sostegno a valle e di contenimento a monte della carreggiata. 


La prima fase delle operazioni consente di disporre di un quadro complessivo della percorribilità dei 36 chilometri interamente sterrati della Provinciale 173, di cui circa 7 di competenza del Comune di Sestriere e 29 della Città Metropolitana. Prima della riapertura estiva dell’intera Provinciale 173, saranno eseguiti tutti gli interventi eventualmente necessari sui muri di sostegno e su quelli a monte della carreggiata sterrata, che verrà come sempre lavorata e livellata ove necessario. Al momento è ipotizzabile la riapertura totale della Provinciale 173 all’inizio di luglio, ma la data esatta dipenderà dalle condizioni meteo: il maltempo o il perdurare di basse temperature potrebbero rallentare lo scioglimento e la rimozione della neve alle quote più alte, ma anche il livellamento della carreggiata.

La Strada Provinciale 173 si dipana per 36 chilometri sul crinale tra le Valli Chisone e di Susa, iniziando dal Pian dell’Alpe di Usseaux, passando ai piedi della cima Ciantiplagna (2.849 metri), della punta Vallette (2.743), del Gran Pelà (2.692) e della Punta del Gran Serin (2.629), superando il Colle dell’Assietta (2.474) e i colli LausonBlegier (2.381), Costa Piana (2.313), Bourget (2.299) e Basset (2.424). La strada passa inoltre sotto le Teste dell’Assietta (2.566 metri) e di Mottas (2.547), i monti Gran Costa (2.615), Blegier (2.585), Genevris (2.533), Triplex (2.50) e Fraiteve (2.701). Quella dell’Assietta è la più famosa strada militare delle Alpi Occidentali ed è il percorso militare più alto d’Europa, toccando quota 2.550 alla Testa dell’Assietta. La chiusura al traffico motorizzato del tratto di alta quota da Balboutet a Sestriere sarà fissata anche quest’anno nelle giornate di mercoledì e sabato nei mesi di luglio e agosto.

 

AL LAGO DI MALCIAUSSIA LE ALPI GRAIE DANNO SPETTACOLO


Il 24 maggio scorso è scattata la riapertura estiva della Strada Provinciale 32 della Valle di Viù nel tratto compreso fra l'abitato di Margone e il lago di Malciaussia. Tra il km 32+500 e il km 37+160 la strada viene chiusa al transito nel periodo invernale per l’impossibilità di attuare lo sgombero della neve. Come sempre, la riapertura è stata decisa a seguito di un sopralluogo tecnico e delle ultime operazioni di pulizia e sistemazione della strada per la messa in sicurezza, eseguite dal personale del Dipartimento Viabilità e Trasporti della Città metropolitana di Torino.

Come avviene da alcuni anni, è prevista nei mesi estivi una regolamentazione del transito nel tratto a più alta quota della SP 32, programmata per contribuire all’organizzazione di iniziative di valorizzazione del territorio, ma anche per favorire la fruizione di un bene di alto pregio culturale e naturalistico e la conservazione della memoria storica di cui l’infrastruttura stradale è testimonianza.

Nelle giornate del 29 e 30 giugno, 6 e 7 luglio, dal 13 luglio al 31 agosto e ancora nelle giornate del 1°, 7 e 8 settembre è prevista una limitazione al transito in salita verso il lago di Malciaussia tra le 8,30 e le 18. Potranno salire non più di 130 autoveicoli e 50 motociclette, in funzione dei posti disponibili nei parcheggi dedicati nei pressi del lago di Malciaussia. Per favorire la fruizione della strada in bicicletta, nelle giornate di giovedì 4, 11, 18 e 25 luglio è inoltre istituito il divieto di transito per tutti i veicoli a motore tra le 10 e le 11,45, ad eccezione degli utenti autorizzati. Durante la riapertura estiva del tratto Margone-Malciaussia sono sempre in vigore il divieto di transito ai veicoli con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e di lunghezza superiore a 5 metri, il divieto di transito agli autobus, il limite di velocità di 30 km/h, il divieto di sorpasso, di sosta e di fermata


Sono esclusi dai divieti e dalle limitazioni al transito i veicoli dei proprietari di abitazioni nell’area circostante il lago di Malciaussia e lungo la strada che conduce al lago, i mezzi destinati alle attività agro-silvo pastorali, alle opere idraulico-forestali, alle operazioni di pronto soccorso, di vigilanza forestale, antincendio, di pubblica sicurezza, i mezzi utilizzati per il servizio pubblico e quelli di servizio utilizzati per la manutenzione stradale, i veicoli a motore del personale dipendente delle attività a Malciaussia, i veicoli muniti di apposito contrassegno “invalidi”. Al Comune di Usseglio spettano il presidio e la vigilanza sul rispetto delle limitazioni al traffico e la gestione e regolamentazione dei parcheggi in località Malciaussia.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

SU