Cultura e spettacoli | 12 giugno 2024, 16:56

Alle Gallerie d’Italia un’immersione nell’Egitto di ieri e di oggi attraverso i suoi Paesaggi

L’installazione video realizzata in collaborazione con il Museo Egizio sarà fruibile gratuitamente tutte le mattine fino al 12 settembre

Alle Gallerie d’Italia un’immersione nell’Egitto di ieri e di oggi

Alle Gallerie d’Italia un’immersione nell’Egitto di ieri e di oggi

Alle Gallerie d’Italia fino al 12 settembre, un primo assaggio di quello che si vedrà nel 2025 al Museo Egizio nella sala multimediale immersiva al piano ipogeo, ovvero il progetto Egitto Immersivo. 

Una grande installazione video che riporta l’attrazione sul paesaggio, tema su cui il Museo sta lavorando sia attraveso la fruizione multimediale, sia quella più tangibile del giardino che verrà allestito all’Egizio in vista del bicentenario. 

Al piano interrato delle Gallerie d’Italia i visitatori potranno entrare gratuitamente e osservare attraverso l’installazione video della durata di una decina di minuti il cambiamento dell’Egitto dal punto di vista storico ma anche paesaggistico. 

Il video diretto da Robin Studio è curato da 8 egittologi. Un viaggio che parte dalla campagna egiziana di oggi, verso le atmosfere e la cultura del passato.  

“Ci auguriamo che questa nuova modalità di fruizione possa attirare i giovani - spiega il direttore Christian Greco-. Noi chiudiamo il museo la prossima settimana, dal 17 giugno al 13 luglio. Nel mentre tutti i visitatori potranno venire qui al mattino. Torino e Londra si uniscono perché Gabriele Finardi sarà qui in autunno per il bicentenario della National Gallery, mentre il 22 novembre ci sara il direttore del museo Egizio del Cairo per concludere il nostro bicentenario”. 

Landscapes/Paesaggi è la prima delle iniziative realizzate grazie alla collaborazione triennale con Intesa Sanpaolo che sostiene il Museo del nuovo riallestimento. “La nuova iniziativa arricchisce il nostro rapporto di sostengo e collaborazione tra il Museo e Gallerie d’Italia fondato sulla condivisione di competenze e contenuti per costruire proposte unendo fotografia, tecnologia e archeologia - spiega il direttore di Galleria d’Italia, Michele Coppola -. Questa è la prima iniziativa di questo accordo triennale ma ne vedremo delle belle”. 

Chiusura straordinaria e lavori in corso all’Egizio  

L’Egizio, che nei primi cinque mesi del 2024 è già arrivato a 530 mila visitatori, aprirà ufficialmente al pubblico con il suo nuovo look il 20 novembre con una grande inaugurazione alla presenza del presidente Sergio Mattarella. 

Si potrà già vedere il roof garden e una parte di quello al piano terra oltre alla copertura in vetro stile British Museum, insieme alla nuova Galleria dei Re e il tempo di Ellesjia. 

Per la parte ipogea bisognerà aspettare la primavera 2025. 

Per la ripartura del 13 e 14 luglio invece si potrà godere di un’apertura straordinaria gratuita offerta da Franco Rosso.

Chiara Gallo

Leggi tutte le notizie di NUOVE NOTE ›

Federica Monello

Giornalista pubblicista, ascoltatrice vorace di musica, amante di tutto ciò che è cultura. Nasco e cresco in Sicilia dove da studentessa di Lettere Moderne muovo i primi passi nel giornalismo, dopo poco unisco la scrittura alla passione per la musica. Giungo ai piedi delle Alpi per diventare dottoressa in Comunicazione e Culture dei media e raccontare di storie di musica, versi, suoni e passioni.

Nuove Note
Nuove Note è la rubrica che ogni settimana ti fa conoscere un nuovo progetto musicale emergente nato tra la Mole Antonelliana e un pentagramma, tra i boschi piemontesi e una sala prove casalinga, tra uno studio di registrazione e i chilometri che lo separano da un paesino in provincia. Nuove Note ti racconta le storie e la musica gli artisti più interessanti della scena musicale piemontese.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium