Cultura e spettacoli | 21 giugno 2024, 16:56

Il Mosaico di San Salvatore trova la sua nuova casa nel Museo Diocesano dopo il restauro [VIDEO]

L'opera del 1190, ritrovata nel 1909, si trovava nell'antica basilica di San Salvatore, demolita nel Quattrocento per costruire il Duomo di Torino

Il Mosaico di San Salvatore trova la sua nuova casa nel Museo Diocesano

Il Mosaico di San Salvatore trova la sua nuova casa nel Museo Diocesano

Il Mosaico medievale di San Salvatore è stato restaurato e sistemato nella sua nuova casa: il Museo Diocesano di Torino. Realizzata tra il 1170 e il 1190, questa importante opera si trovava nel presbiterio dell'antica basilica demolita nel Quattrocento per fare il posto all'attuale Duomo. Durante gli scavi del 1909 venne scoperta l'antica chiesa con parte del mosaico, che ebbe varie esposizioni fino al 2015, anno in cui fu rimosso per essere conservato nel Museo di Antichità.

Il Mosaico rappresenta una mappa del mondo, come immaginato all'epoca, intrecciata con l'immagine della Ruota della Fortuna, iconografia di origine pagana. Un grande cerchio che rappresenta l'Oceano circonda il mondo - ovvero i tre continenti Europa, Asia e Africa separati dal Mar Mediterraneo e dai fiumi Don e Nilo - insieme ai dodici venti, dei quali purtroppo restano poche tracce. All'interno, animali reali e fantastici come gru, leoni, grifoni e una sirena. Al centro, invece, la Fortuna che determina la buona e la cattiva sorte delle persone. Una scritta invitava a riflettere sulla fugacità della vita e sul destino.

"Questo è l'ultimo dei restauri subiti nei 115 anni dalla scoperta del Mosaico - ha spiegato Tiziana Sandri, responsabile del reparto restauri dei Musei Reali di Torino - con una storia conservativa molto travagliata e ci stupisce che sia arrivato in buono stato. Nel 1909 avevano già compreso l'importanza di questo ritrovamento, lasciandoci testimonianze particolari come descrizioni, disegni, fotografie, evitando la dispersione di molti frammenti durante i trasporti". 

Il restauro dell'opera ha coinvolto varie realtà a partire dai Musei Reali, la Consulta per la valorizzazione dei Beni Artisti e culturali di Torino il Museo Diocesano, che ospita il Mosaico, e Reale Mutua.

"Questa città ha una tradizione di collaborazioni interistituzionali - ha sottolineato il direttore del Museo Diocesano di Torino Paolo Messina - originata dalla storia di questa città di dover affrontare i problemi sopravvivendo ai grandi blocchi come il Regno Francese e l'Impero Asburgico, dovendo trovare soluzioni".

"È un periodo in cui bisogna trovare sinergie tra istituzioni diverse per recuperare lavori artistici - ha proseguito l'Arcivescovo di Torino Mons. Roberto Repole - nati in contesti in cui non c'era bisogno di sinergie perché la società civile e cristiana erano un tutt'uno. Oggi lavoriamo insieme per recuperare un patrimonio storico che non è soltanto della Chiesa, importante in un periodo in cui sembra che solo lo sviluppo scientifico e tecnologico sia il futuro. Non mi stupisce che il Mosaico abbia al centro un simbolo di radici pagane che è la Fortuna: dove è arrivato il cristianesimo ha fatto un processo di recupero di elementi non cristiani".

Francesco Capuano

Leggi tutte le notizie di NUOVE NOTE ›

Federica Monello

Giornalista pubblicista, ascoltatrice vorace di musica, amante di tutto ciò che è cultura. Nasco e cresco in Sicilia dove da studentessa di Lettere Moderne muovo i primi passi nel giornalismo, dopo poco unisco la scrittura alla passione per la musica. Giungo ai piedi delle Alpi per diventare dottoressa in Comunicazione e Culture dei media e raccontare di storie di musica, versi, suoni e passioni.

Nuove Note
Nuove Note è la rubrica che ogni settimana ti fa conoscere un nuovo progetto musicale emergente nato tra la Mole Antonelliana e un pentagramma, tra i boschi piemontesi e una sala prove casalinga, tra uno studio di registrazione e i chilometri che lo separano da un paesino in provincia. Nuove Note ti racconta le storie e la musica gli artisti più interessanti della scena musicale piemontese.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium