/ Attualità

Attualità | 01 luglio 2024, 17:10

Girmay sfreccia per primo sul traguardo di Torino, Carapaz nuova maglia gialla del Tour [FOTO]

L'eritreo ha battuto tutti nella attesa volata, l'ecuadoriano ha soffiato il simbolo del primato a Pogacar grazie al miglior piazzamento. E domani si parte da Pinerolo

Girmay sfreccia per primo sul traguardo di Torino, Carapaz nuova maglia gialla

Girmay sfreccia per primo sul traguardo di Torino, Carapaz nuova maglia gialla

E' del 24enne eritreo Biniam Girmay la firma sulla terza tappa del Tour de France: a Torino è stato l'atleta di colore della Intermarché-Wanty a bruciare tutti sul traguardo nella frazione che ha visto anche il cambio della maglia gialla, con il migliore piazzamento di Richard Carapaz che ha permesso all'ecuadoriano di soffiare il simbolo del primato allo sloveno Tadej Pogacar.

Girmay e Carapaz di diritto nella storia

Insomma, una doppia storica impresa per la tappa partita da Piacenza e arrivata all'ombra della Mole dopo 230 chilometri, con il primo successo di un ciclista eritreo nella Grande Boucle (battuti in volata il colombiano Fernando Gaviria e il  belga Arnaud De Lie) e la prima maglia gialla conquistata da un ecuadoriano. Giusto ricordare, comunque, come in entrambi i casi si tratta di atleti di valore, visto che Girmay aveva già vinto una tappa al Giro d'Italia e Carapaz è il campione olimpico in carica.

Maxi caduta a 2 chilometri dal traguardo

Domani mattina da Pinerolo, nella prima tappa di montagna di questo Tour con passaggio sul mitico Galibier e il trasferimento in Francia, sarà lui a partire con il simbolo del primato.

Il problema accusato da Van der Poel a pochi chilometri dal traguardo, poco dopo il transito dalla Palazzina di Stupinigi, ha tolto di mezzo uno dei grandi favoriti per il successo di tappa, mentre una maxi caduta a due chilometri dal traguardo ha spaccato in due il gruppo, prima della volata decisiva, accompagnata da una folla festante e colorata di giallo.

L'omaggio ai Toret e all'Istituto di Candiolo

L’iconica statuetta Toh dell’artista Nicola Russo, divenuta un testimonial della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, è salita sul podio della terza tappa del Tour de France. All’arrivo della corsa, Nicola Russo ne ha consegnato un esemplare completamente vestito di giallo al nuovo primatista della corsa, Richard Carapaz, e al direttore generale della Grande Boucle, Christian Prudhomme.

Toh che si ispira ai Toret, le tipiche fontane d’acqua pubblica torinesi, è un simbolo della volontà di rinascita della città, ma ha anche un valore sociale: attraverso la charity partnership con la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro una parte dei proventi delle vendite sono destinati all’Istituto di Candiolo.

Massimiliano Sciullo e Massimo De Marzi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium