torinoggi.it
giovedì 13 dicembre 2018, 07:45

Lo Spazio Anch'io del Valentino trasloca e si allarga: arriverà in altre zone della città

Il Padiglione 5 verrà riqualificato e inserito nel nuovo campus universitario del Politecnico. Progetto dell'educativa di strada entro il 25 dicembre

Lo Spazio Anch'io del Valentino trasloca e si allarga: arriverà in altre zone della città

Il Politecnico cresce e l'educativa di strada si reinventa. In vista dell'avvio cantieri nel 2020 per la creazione del Campus universitario all'interno del Valentino, gli attuali ospiti fissi del prato nel Padiglione 5 sono già in cerca di una nuova casa.

All'Oratorio San Luigi si è tenuto martedì un focus group dedicato al futuro di Spazio Anch'io, il luogo di ritrovo, gestito dalla cooperativa sociale ET, per i ragazzi più bisognosi di San Salvario, soprattutto stranieri. Lì, ogni pomeriggio, si tengono laboratori didattici e di intrattenimento, sia d'inverno che d'estate. Ora, con il nuovo progetto del Comune di Torino in partenza, dovrà essere trasferito altrove. 

Dopo un primo incontro tra Don Mauro Mergola, parroco della chiesa dei Ss. Pietro e Paolo, e la sindaca Chiara Appendino - che ha visitato personalmente lo Spazio nel 2017, in occasione dei dieci anni della sua fondazione -, gli operatori hanno voluto incontrare cittadini e altre realtà attive nel quartiere in ambito sociale.

"La sindaca è molto contenta di ciò che facciamo - ha spiegato Matteo Aigotti, della cooperativa ET - perché il nostro lavoro con i giovani permette di contenere i processi di microcriminalità e devianza. Per questo possiamo ragionare insieme sul suo spostamento". E non si stratta solo di ricollocarlo in un altro punto del parco, ma di moltiplicare, nella città, le "stazioni" in cui coinvolgere i ragazzi, individuando altri centri urbani problematici dove vi sia un forte rischio di emarginazione e devianza

Tra le domande sottoposte ai partecipanti dell'incontro: perché replicare Spazio Anch'io e cosa c'è di significativo in questa esperienza; quali nuovi luoghi potrebbero ospitarlo; che coinvolgere e in quali fasce orarie; quali elementi non potranno mancare. Erano presenti, tra gli altri, la Casa del Quartiere di San Salvario, Libera, il Gruppo Abele, i servizi sociali territoriali; oltre a tanti adolescenti abituali frequentatori delle attività salesiane. 

Entro il 25 dicembre dovrà essere redatto un progetto da sottoporre poi al Comune. In seguito si terrà un incontro per illustrare pubblicamente i risultati e procedere quindi lungo il nuovo percorso. 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
SU