Economia e lavoro - 26 novembre 2020, 12:38

Nova Coop e solidarietà, ritorna la spesa "a marchio" che devolve risorse per la ricerca contro il cancro

Seconda edizione per l'iniziativa che intende devolvere l'1% del ricavato all'Istituto di Candiolo. Lo scorso anno sono stati raccolti 110mila euro. Dalle Rive: "La ricerca e la scienza, unici baluardi contro l'oscurantismo di ritorno"

Nova Coop e solidarietà, ritorna la spesa "a marchio" che devolve risorse per la ricerca contro il cancro

Una spesa che fa del bene. A chi la compra, ma anche a chi ha bisogno di un aiuto per curarsi e continuare a sperare. E' l'iniziativa - ribattezzata "Scegli il prodotto Coop" - che Nova Coop ha voluto rinnovare (per il secondo anno consecutivo) per sostenere le attività dell'Istituto di ricerca di Candiolo.
Basterà acquistare (anche online) determinati prodotti a marchio Coop e, per ogni "spesa", l'1% sarà destinato proprio a Candiolo. Inoltre, chi vorrà - tra clienti e soci - potrà donare fino a 500 punti della propria tessera-fedeltà per il valore economico corrispondente da devolvere proprio all'Istituto di ricerca. Lo scorso anno, la somma raccolta è andata oltre il traguardo di 110mila euro. "Già a partire dall'anno scorso ci eravamo chiesti - dice Marco Gasparini, direttore rete vendita Nova Coop - come poter procedere ulteriormente sul cammino della solidarietà e quindi abbiamo deciso di ripetere il cammino fatto con l'Istituto di ricerca di Candiolo, proprio come dodici mesi fa".

Nel mirino, questa volta, le patologie dei tumori maschili, mentre lo scorso anno le risorse erano state destinate alla ricerca per la cura delle patologie femminili. "Il contributo di Nova Coop sarà fondamentale per sostenere le attività del nostro gruppo di ricerca - spiega Pasquale Rescigno, responsabile piattaforma GIRT-Uro, Gruppo Interdisciplinare di Ricerca Traslazionale e Clinical Trials per i tumori urologici dell’Istituto di Candiolo – IRCCS - e parliamo di tumori della Prostata e del testicolo. Sono le più comuni e rappresentano la terza causa di morte per tumore nell'uomo al di sopra dei 50 anni". "Si tratta di studi che hanno costi enormi e che durano molti anni - aggiunge - perché i tempi della ricerca sono molto lunghi. E più sono lunghi i tempi, più crescono i costi e le risorse pubbliche non possono bastare. Ecco perché i contributi privati sono preziosi".

"Sono molto contenta - sottolinea Allegra Agnelli, presidente Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro - e spero che quest'anno si possa rinnovare l'impegno e il successo dello scorso anno, entrando nel cuore e nella generosità delle persone, che continuano a sostenere le attività di Candiolo". "Ci siamo trovati, oltre che a combattere contro il cancro, con un nemico in più. Forse più infido ancora del cancro, visto che non lo conosciamo per niente e che colpisce ancora più duramente i malati oncologici, visto che hanno le difese immunitarie più basse".

Per il futuro? "Il sogno è di riuscire a sconfiggere il cancro, anche se è una malattia con tante facce - prosegue Allegra Agnelli -. Ma intanto vogliamo mettere le persone che lavorano a Candiolo nelle migliori condizioni per fare ricerca e cura. A questo, poi, vorremmo anche affiancare all'ammalato le persone care, così da sollevare un'oppressione dalle spalle del malato, creando magari un hospice dedicato".

"Rinnoviamo una sinergia che ha funzionato bene e che è stata accolta con grande favore da chi compra presso i nostri punti vendita, clienti e soci - Ernesto Dalle Rive, presidente di Nova Coop -. Da anni abbiamo messo al centro delle nostre politiche e delle nostre attività la salute e il diritto alla salute. E in questo periodo non si muore solo di pandemia, ma si continua a morire anche di cancro. Ecco perché abbiamo voluto riproporre un'iniziativa che rappresenti anche un messaggio di fiducia e di spiranza nel futuro. La ricerca è l'unico strumento a disposizione per contrastare quell'oscurantismo di ritorno che si manifesta nelle menti di molte persone". 

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

SU