Cronaca - 23 febbraio 2021, 18:47

Dal Carignano a Roma: i lavoratori dello spettacolo riconquistano la scena dopo un anno di stop (FOTO e VIDEO)

La piazza di Torino in collegamento con la capitale per chiedere l'apertura di un tavolo interministeriale. E il foyer del teatro simbolicamente si spalanca

Dal Carignano a Roma: i lavoratori dello spettacolo riconquistano la scena dopo un anno di stop (FOTO e VIDEO)

Centinaia di lavoratori dello spettacolo piemontesi riuniti in una piazza simbolica di Torino, quella su cui si affaccia il Teatro Carignano, a un anno dallo stop massiccio di tutti gli eventi dal vivo. E' la seconda manifestazione indetta oggi a sostegno dell'intero comparto, dopo una prima protesta dei sindacati questa mattina.

Un anno, quello segnato dal Covid, di precarietà, disoccupazione e ben pochi spiragli di ripresa. "Tanti - spiega Elio Balbo, tecnico audio e luci e portavoce del coordinamento - stanno sopravvivendo a stento con l’elargizione di quelle misure tampone, completamente insufficienti, adottate dal governo. Mentre molti altri rimangono a mani vuote perché ancora incagliati nelle maglie della burocrazia che non ha tuttavia sciolto i nodi legati al respingimento di legittime richieste". 

In collegamento streaming con Roma (dove i manifestanti hanno consegnato al presidente della Camera Roberto Fico il documento contenente la piattaforma con le richieste del coordinamento RISP), i lavoratori hanno esposto alcune richieste chiare alle istituzioni: sblocco immediato dei ristori rimasti in sospeso nel passaggio dal governo Conte al governo Draghi, convocazione urgente di un tavolo interministeriale che coinvolga i lavoratori e una "riforma strutturale, formale e fattuale del settore, che tuteli realmente non solo grandi enti e grandi aziende".

E' infatti proprio alle piccole e medie realtà culturali che la mobilitazione si rivolge, quelle più penalizzate da un anno di restrizioni o blocchi totali: piccoli teatri che ora "rischiano di chiudere e di non poter più compiere il loro fondamentale ruolo di prossimità su tutto il territorio del nostro Paese".

Un delegazione di lavoratori è stata poi accolta simbolicamente nel foyer del Carignano, salotto del Teatro Stabile di Torino, che già ieri sera ha aderito all'iniziativa di UNITA per riaccendere le luci nelle sale vuote. "I teatri accesi senza il pubblico dentro sono come scatole vuote, bare bellissime ma prive di anima, piene di velluti e di storia - ha detto Lara Quaglia, attrice e acrobata, altra voce di punta del coordinamento dei lavoratori piemontesi -. Ora noi chiediamo soltanto di poter tornare a lavorare in sicurezza. Abbiamo bisogno di una prospettiva certa per la nostra professione".

Manuela Marascio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

SU