Cronaca - 08 aprile 2021, 13:58

Processo piazza San Carlo, funzionario dei Vigili del fuoco: "La sicurezza non era compito nostro"

Così Dario Longhin, uno degli imputati del processo per i fatti del 3 giugno 2017

foto di repertorio della notte del 3 giugno 2017

Processo piazza San Carlo, funzionario dei Vigili del fuoco: "La sicurezza non era compito nostro"

"Non era la nostra squadra antincendio a dovere verificare l'adempimento di tutte le disposizioni in materia di sicurezza". Lo ha detto oggi in Corte d'assise Dario Longhin, funzionario dei Vigili del fuoco, uno degli imputati del processo per i fatti di piazza San Carlo del 3 giugno 2017.

Quella sera durante la proiezione su maxischermo della finale di Champions una serie di ondate di panico tra la folla provocarono 1.500 feriti e più tardi la morte di due donne, Erika Pioletti e Marisa Amato. Secondo Longhin, a differenza di quanto afferma la pubblica accusa, non ci sono norme che, in caso di eventi di questo tipo, attribuiscono responsabilità ai vigili del fuoco in materia di controlli.

"Il regolamento si riferisce a controlli da svolgere in un locale, come uno stadio o un teatro, prima dell'arrivo del pubblico. E quella era una piazza. E' vero che una circolare del 1951 parlava di 'luoghi all'aperto', ma per la parte di cui ci stiamo occupando è stata abrogata da un decreto nel 1996".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU