Attualità - 09 aprile 2021, 10:34

La scherma riparte da Torino, quattro giorni di gare ai palazzetti “Gianni Asti” e “Le Cupole”

Dopo più di un anno di stop all'attività agonistica, a partire da questo weekend sono in programma le fasi regionali per la qualificazione alle competizioni nazionali: “Segnale importante”

scherma - foto d'archivio

La scherma riparte da Torino, quattro giorni di gare ai palazzetti “Gianni Asti” e “Le Cupole”

La scherma sceglie Torino per far ripartire la propria attività agonistica, anche se a porte chiuse, dopo più di un anno di stop quasi completo a causa della pandemia di Covid-19.

Lo farà con una quattro giorni di gare, valide come fase regionale di qualificazione alle competizioni nazionali, suddivisa tra il weekend del 10 e 11 aprile al Pala “Gianni Asti” (ex Ruffini, ndr) e quello del 24 e 25 al palazzetto “Le Cupole”. Si partirà, come detto, questo sabato con le gare riservate agli Under 20 e agli Assoluti, mentre a fine mese sarà il turno di Under 17 e Under 14.

Una ripartenza importante e simbolica

Per tutto il mondo sportivo si tratta di una ripartenza importante e, a suo modo, simbolica: “Tornare in pedana - ha dichiarato la presidente regionale della Federazione Scherma Cinzia Sacchettiè fondamentale per far capire che anche in un contesto così difficile è possibile proporre eventi in sicurezza attraverso il rispetto di disposizioni che seguiremo con il massimo scrupolo”.

Alla manifestazione si sono iscritti in 350 da 25 società piemontesi e gareggeranno nel fioretto, nella spada e nella sciabola maschile e femminile: “Rispetto all'epoca pre-covid - ha aggiunto Sacchetti – il livello di partecipazione è al 20%: gli atleti più forti parteciperanno direttamente alla fase successiva, in questo modo diamo la possibilità anche a quelli meno quotati di qualificarsi a una competizione di livello nazionale”.

Il ruolo della Città e la questione Club Scherma Torino

Un ruolo fondamentale nell'organizzazione dell'evento è stato quello ricoperto dall'amministrazione comunale, come riconosciuto dal vice-presidente vicario nazionale di FederScherma Maurizio Randazzo: “Voglio ringraziare - ha commentato – l'assessore allo sport della Città di Torino Roberto Finardi per aver permesso alla scherma di dimostrare la possibilità di organizzare questa manifestazione e ripartire, ma anche per aver consentito al Club Scherma Torino di trovare una soluzione definitiva alle problematiche emerse nel tempo”.

Agli elogi ha risposto lo stesso Finardi: “La cosa più importante - ha dichiarato – è cominciare a vedere l'uscita dal tunnel cercando di far ripartire una serie di attività a cui, purtroppo, non siamo più abituati da un anno a questa parte; quando si è potuto siamo stati gli ultimi a chiudere e i primi a riprendere rispettando i protocolli. Per quanto riguarda il Club Scherma Torino, siamo dispiaciuti che la vicenda sia finita in tribunale: nel corso di questi 5 anni di amministrazione abbiamo comunque organizzato molte manifestazioni nel migliore dei modi, riscuotendo grandi successi”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU