Economia e lavoro - 02 luglio 2022, 16:17

Saldi, avvio al rallentatore: caldo e crisi scoraggiano i consumatori. In calo vendite (-5%) e scontrini medi (120-150 euro)

Confesercenti e Ascom: "Confermate le previsioni della vigilia. La periferia soffre di più. Ma i commercianti sperano di recuperare nelle prossime settimane"

Saldi, avvio al rallentatore: caldo e crisi scoraggiano i consumatori. In calo vendite (-5%) e scontrini medi (120-150 euro)

I segnali di difficoltà c’erano tutti e la prima giornata dei saldi li sta confermando: l’avvio a Torino e in Piemonte è a rallentatore. Gran parte dei commercianti, interpellati in queste ore da Confesercenti per un giudizio a caldo, conferma un calo, sia pur lieve, dello scontrino medio (che si attesta fra i 120 e i 150 euro) e del volume delle vendite (-5%); solo una minoranza conta di raggiungere almeno il livello delle vendite registrato nel 2021. Certamente non in periferia: qui gli affari stentano a decollare, tanto che molti non hanno notato differenze fra questo sabato di saldi e un sabato normale.

"Il grande caldo – dice Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti – non invoglia allo shopping e induce a lasciare le città per il week end. Le incertezze economiche scoraggiano i consumatori: le famiglie devono combattere con gli aumenti delle bollette, della benzina e di tanti altri generi, e con le non rosee prospettive dell’autunno: il che porta molti a fare acquisti in modo più oculato e in linea con le necessità, limitando al massimo gli acquisti d’impulso che un tempo erano tipici durante i saldi".

Tuttavia, i commercianti continuano a sperare in un recupero nelle prossime settimane: "Una parte significativa della clientela deve ancora iniziare le ferie e pare che gli italiani quest’anno siano disposti a spendere soprattutto per viaggiare: auspichiamo che ciò li induca a rinnovare e incrementare il guardaroba", aggiunge Micaela Caudana, presidente di Fismo-Confesercenti, la federazione di commercianti di abbigliamento.

Il settore dell’abbigliamento e delle calzature – conclude Caudana – sconta persistenti difficoltà e ha vissuto un avvio di anno deludente: nei primi sei mesi del 2022 il 57% delle nostre attività segnala una diminuzione delle vendite, mentre solo il 13% indica una crescita; una frenata resa più aspra dall’aumento dei costi della merce. Per questo, invitiamo per i saldi a comprare nei negozi fisici, non solo per una maggiore qualità dell’acquisto – si possono toccare con mano e provare i capi, assistiti da personale competente – ma anche per contribuire al sostegno dei negozi di vicinato che rendono vive e sicure nostre città”.

"Il caldo di questi giorni, il weekend al mare e l’inflazione alle stelle continuano a pesare sull’abbigliamento", dichiara invece Maria Luisa Coppa, presidente di Ascom Torino e provincia. "Ci aspettiamo segnali positivi nel corso delle prossime settimane con la vera partenza degli sconti".

Daniele Angi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU