Cronaca - 18 luglio 2022, 10:25

Giro di vite contro lo spaccio di droga tra Torino e la Valsusa: otto persone finiscono nei guai per cocaina [VIDEO]

Sei sono stati portati in carcere, uno ai domiciliari e uno con obbligo di presentazione. Le indagini erano scattate nel 2020

attività di spaccio di droga e blitz carabinieri

Blitz dei carabinieri per smantellare un'organizzazione che spaccia cocaina tra Valsusa e zona Ovest di Torino

Ancora un'operazione delle forze dell'ordine contro il traffico di droga, in particolare cocaina. E' scattato questa mattina il blitz dei carabinieri tra la valle di Susa e la zona Ovest di Torino ai danni di otto persone finite nei guai. In particolare, 6 di loro sono finite in carcere, mentre un'altra è stata posta ai domiciliari e una è stata colpita da obbligo di presentazione. Si tratta di sei italiani e due albanesi.



L’indagine è stata avviata nel giugno del 2020 e ha portato a raccogliere gravi indizi sulle attività di spaccio di polvere bianca proprio tra l'area occidentale di Torino e la Valle Olimpica. Del gruppo fanno parte a diverso titolo grossisti, distributori e spacciatori. Nel corso dell’attività d’indagine sono già state arrestate quattro persone e sequestrati 7 chili di cocaina.

In particolare, si è scoperto che due delle persone coinvolte - due fratelli di origine albanese - erano attivi per il rifornimento di tutta la Bassa Valsusa: la droga arrivava da Milano, nascosta nel cruscotto delle automobili su cui viaggiava. Una volta recuperata, veniva venduta al dettaglio.

L’operazione si inserisce nelle attività di contrasto alla produzione, traffico e vendita di stupefacenti nel territorio della Valle di Susa che ha portato, nelle scorse settimane, all’arresto di un 22enne di Susa e al sequestro di oltre 7 chili di marijuana. 

Le attività connesse all’esecuzione della misura sono tuttora in corso, con perquisizioni in atto nella provincia di Torino e Bergamo, da parte di oltre 90 carabinieri dell’organizzazione territoriale impiegati, insieme ai colleghi del Nucleo elicotteristi, cinofili, SIO e a personale specializzato del NAS, coinvolto in attività ispettiva in alcuni bar ove è stato documentato smercio dello stupefacente.

Il procedimento penale è attualmente nella fase delle indagini preliminari e i predetti indagati sono da considerare non colpevoli fino a sentenza di condanna divenuta irrevocabile.

Ringrazio come cittadino e come assessore gli uomini e le donne dei Carabinieri di Susa che questa mattina hanno portato a termine un‘operazione che ha visto smantellata quella che potrebbe essere una rete dello spaccio di cocaina attiva in tutto il Piemonte - afferma l’assessore regionale alla Sicurezza, Fabrizio Ricca -. Nel corso dell’intervento, oltre agli arresti, è stata sequestrata anche un’ingente quantità di droga che sarebbe finita nelle nostre strade. Per aver sventato ciò non possiamo che ringraziare l’Arma”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU