Attualità - 20 luglio 2022, 18:36

Max Casacci sta con Askatasuna: “Vittima di un'aggressione di stampo politico”

Il chitarrista dei Subsonica si schiera con il centro sociale di corso Regina dopo le accuse di associazione a delinquere: “Aska offre occasioni di socialità che non si trovano altrove”

max casacci

Max Casacci sta con Askatasuna: “Vittima di un'aggressione di stampo politico”

Askatasuna è al centro di un'aggressione di chiaro stampo politico, concretizzata nell'accusa di associazione a delinquere”: ad affermarlo, in un video realizzato durante la giornata di solidarietà in favore del centro sociale organizzata ieri nell'area pedonale di via Balbo, il chitarrista dei Subsonica Max Casacci.

"Come è cambiata la città in questi anni"

Casacci, volto di spicco della cultura underground torinese da oltre 30 anni, ma anche ex consigliere della Circoscrizione 7 (ha lasciato la carica da poche settimane, ndr), nella sua analisi ha richiamato le trasformazioni di Torino: “Da testimone - ha affermato - di quello che è successo negli ultimi decenni, posso dire che dalla seconda metà degli anni '80, grazie alla stagione delle autogestioni, delle occupazioni e delle autorganizzazioni, una città non a misura di nuove generazioni si è trasformata in un capitale giovanile aperta in modo forte, inclusivo e non allineato".

"Aska offre spazi e occasioni di socialità"

Da qui la scelta di supportare la causa di Askatasuna: "Aska - ha concluso – sta prendendo in mano quel testimone, portando avanti dal '96 quel tipo di esperienza e offrendo occasioni e spazi di socialità che non si troverebbero altrove. Sono sicuro che non sarò solo a esprimere solidarietà nel mezzo di una tempesta di chiaro e pretestuoso stampo politico".

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU