Cronaca - 05 agosto 2022, 19:33

Caldo e afa a Torino, per i bagni nelle fontane pubbliche si rischia una multa fino a 150 euro

Il Regolamento di Polizia Urbana esprime un generale divieto di “immergersi o farne altro uso improprio” senza però specificare le fattispecie punibili e lasciando spazio a interpretazioni

Caldo e afa a Torino, per i bagni nelle fontane pubbliche si rischia una multa fino a 150 euro

Nei periodi di maggior caldo e afa, non è raro notare cittadini torinesi e turisti bagnarsi nelle fontane pubbliche. A essere prese d'assalto sono soprattutto quelle piano strada in piazza Castello, dove ogni anno gli studenti usano festeggiare il termine dell'anno scolastico e dove moltissimi bambini sguazzano e giocano felici in costume e ciabattine.

Il Regolamento Comunale dice no

In generale si tratta di un comportamento tollerato ma, in teoria, vietato. Il Regolamento di Polizia Urbana, infatti, all'articolo 7 del Titolo II (Sicurezza e qualità dell'ambiente urbano) stabilisce il divieto di "compiere presso fontane pubbliche o comunque sul suolo pubblico operazioni di lavaggio" e di "immergersi nelle fontane pubbliche o farne altro uso improprio".

Multe da 25 a 150 euro

A lasciare spazio alla discrezionalità, in assenza di ulteriori approfondimenti, è proprio la parola immergersi. Non è chiaro, infatti, quali siano le fattispecie punibili dal regolamento: il rischio, però, è quello di incappare in una sanzione amministrativa con multe da 25 a 150 euro (ridotta a 50 euro se pagata entro i primi 60 giorni).

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU