Attualità - 09 febbraio 2024, 19:28

Pavimento mobile, fumo e vento per formare i medici nella nuova camera immersiva dell'Università

Nel polo di Orbassano una sala iper tecnologica per riprodurre i fattori di rischio negli interventi e operazioni di soccorso

Pavimento mobile, fumo e vento per formare i medici nella nuova camera immersiva

Pavimento mobile, fumo e vento per formare i medici nella nuova camera immersiva

Operare con il pavimento che si muove, con il vento, con rumori forti: questo e molto altro ora è possibile nella nuovissima e iper tecnologica sala di simulazione dell'Università di Torino. Si trova nel Polo didattico del Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche all'interno dell'Ospedale San Luigi ad Orbassano e da oggi fornirà una nuova esperienza per formare studenti, medici, infermieri e operatori sanitari.

Simulazione di situazioni complesse

La camera immersiva interattiva permette di simulare situazioni complesse e rischiose, ricreando le condizioni di un intervento in alta montagna o di eventi atmosferici estremi. Le pareti sono touch screen, possono erogare odori e fumi, ricostruire percorsi diagnostici e terapeutici e realizzare delle vere e proprie escape room. Nella sala sono a disposizione degli studenti manichini ad alta complessità tecnologica, simulatori virtuali per le operazioni e un avanzatissimo tavolo anatomico per la dissezione virtuale.

"Questa è un'occasione di celebrare non solo le strumentazioni all'avanguardia ma una crescita del Polo - ha commentato il rettore di Unito Stefano Geuna - L'inaugurazione rappresenta un'ulteriore tappa a favore della formazione universitaria in ambito medico perché consentirà di abbattere il rischio clinico ponendo come obiettivo primario la sicurezza di pazienti e operatori sanitari".

Tronzano: "Grandi persone per una grande Università"

"L'Università di Torino ha dimostrato ancora una volta di essere una grande università con grandi persone - ha dichiarato l'assessore regionale al Bilancio Andrea Tronzano - La parola chiave è armonia, la concordia istituzionale sta portando il Piemonte all'avanguardia in tutti i settori compresa la sanità, tra le migliori in Italia e che voglio ricordare rimarrà pubblica. Stiamo lavorando a un triangolo virtuoso tra didattica, ricerca e impresa, qui dobbiamo aggiungere l'impresa e ragionare di questo col rettore. Pochi sono i medici e noi stiamo facendo il possibile per aggiungerne di nuovi, e per avere nuove leve è necessario formarle e questo è un importante centro di formazione".

"Il nostro ospedale è partito da lontano - ha raccontato Cinzia Maria Bosso, Sindaco di Orbassano - era un ospedalino di provincia con alcune eccellenze. È incominciato a crescere con l'arrivo dell'università nel 94-95 e ha fatto grandissimi percorsi".

L'aula magna intitolata al professor Furlan

Durante la presentazione è inoltre stata annunciata l'intitolazione dell'Aula magna del Polo didattico al professore Pier Maria Furlan. Scomparso nel 2022, lo psichiatra torinese ha ricoperto i ruoli di direttore del dipartimento di salute mentale dell'ospedale San Luigi e preside della facoltà di medicina dell'Università di Torino.

Francesco Capuano

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

SU