/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

In casale completamente ristrutturato,nel soleggiatissimo altipiano di Saint Nicolas a 10 minuti da Courmayeur, da...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | martedì 06 dicembre 2016, 08:25

Monitorare situazioni di pericolo, parcheggi per disabili o ridurre i rifiuti: Campidoglio è Lab

Presentati ieri i 32 progetti di Torino Living Lab. Pisano: "Obiettivo creare una città più a misura del cittadino di Torino"

C’è la carta alimentare compostabile, l’app per segnalare situazioni di pericolo e il sistema di monitoraggio dei parcheggi per disabili. Sono questi alcuni dei 32 progetti che sono stati presentati ieri sera, nell’ambito della presentazione  dei primi risultati dell’iniziativa Torino Living Lab #Campidoglio.

“Questa iniziativa”, commenta l’assessore all’Innovazione Paola Pisano, “nasce sei mesi fa. Sono stati selezionati dei progetti da sperimentare sul suolo del Comune di Torino, precisamente nell’area Campidoglio. Questa riguarda sia l’utilizzo di nuove tecnologie, sia l’analisi dei comportamenti dei cittadini, sia nuovi servizi per la comunità, arredi urbani”.

“L’obiettivo”, prosegue l’esponente della maggioranza, “è creare una città più a misura del cittadino di Torino. La cosa importante è che questi progetti mirano a capire quali sono le esigenze del cittadino e a sviluppare servizi sempre più vicini alla popolazione. Questo tramite l’analisi dei dati, che ci permette di capire sia l’attività del cittadino, sia come utilizza le risorse del comune di Torino”. “L’obiettivo è offrire nuovi servizi sempre più dedicati e integrati, oppure ad aiutarlo a modificare alcuni cambiamenti”, conclude la Pisano.

Il quartiere Campidoglio, da giugno, ha ospitato le 32 sperimentazioni che imprese, startup, Università e Centri di Ricerca hanno proposto alla Città rispondendo al primo bando di Torino Living Lab, coerenti con l’obiettivo di “Torino Smart City”. Progetti  che hanno un’attenzione per l’ambiente, la mobilità sostenibile, la sicurezza urbana, l’integrazione e la condivisione di dati, la diffusione di un turismo sostenibile.

Tra le iniziative presentate c’è la piattaforma online Taimwise, per il riuso di spazi sfitti attraverso l’organizzazione di eventi, oppure Child Explorer, sistema integrato per lo spostamento autonomo dei bambini, oppure Laces Gym your City, zaino multifunzione e piattaforma web per allenamenti outdoor.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore