Eventi | 23 maggio 2022, 11:02

Torino sente l'eco di grandi eventi: sotto la Mole il decimo forum sull'acustica a settembre 2023

Attesi oltre 600 ricercatori e professionisti, esperti in acustica e in altre discipline collegate allo studio del suono: stimate ricadute per 800mila euro

Politecnico di Torino

Il decimo forum sull'acustica si terrà al Politecnico di Torino

Dopo il Congresso Mondiale di Esperanto e il Congresso Internazionale EuroHeat & Power, l’evento dedicato al settore del teleriscaldamento, Torino si aggiudica per il 2023 anche il decimo Forum Acusticum. Si tratta del convegno internazionale della European Acoustics Association (EAA) che richiamerà più di 600 ricercatori e professionisti, esperti in acustica e in altre discipline collegate allo studio del suono, dal’11 al 15 settembre 2023 presso il Politecnico di Torino.

Si stima che tale Congresso porterà ad una ricaduta economica diretta sul territorio pari a circa 800.000 euro.

La candidatura è stata presentata da Arianna Astolfi, professoressa del Dipartimento Energia del Politecnico di Torino e Chair del Congresso, con il supporto di Turismo Torino e Provincia Convention Bureau che ha preparato il dossier di candidatura e CCI – Centro Congressi internazionale, segreteria organizzativa del Congresso.

Anche in questo caso, l’incentivo economico del pacchetto “Torino per i tuoi eventi” (un’iniziativa dell’ATL torinese per attrarre congressi in città, sostenuta dalla Camera di commercio di Torino) è stato decisivo per la scelta della città della Mole.

La nostra città, che proprio in questi giorni sta ospitando tantissimi eventi – dichiara Marcella Gaspardone, manager Turismo Torino e Provincia – dall’l’Eurovision Song Contest 2022, al Salone Internazionale del Libro, alla Riunione dei Ministri degli esteri membri del Consiglio d'Europa, alla Convention di Magia Masters of Magic, alla Finale di Champions League femminile e la Tappa del Giro d’Italia, sta ponendo le basi per un 2023 altrettanto ricco di eventi frutto di un lungo lavoro di candidature che abbiamo condotto negli anni”.

Siamo orgogliosi di ospitare questo importante evento a Torino nel 2023 - dichiara Arianna Astolfi - Torino diventerà la capitale europea dell’acustica e i più importanti avanzamenti nella ricerca saranno condivisi fra delegati provenienti da tutto il mondo. Sarà anche l’occasione per fare incontrare le aziende con i giovani acustici tramite la scuola estiva e le sessioni di mentoring, cioè colloqui fra soggetti con più esperienza (mentor) e con meno esperienza (mentee). Le tematiche spazieranno dal rumore delle infrastrutture, all’acustica dei teatri, all’acustica fisica e medica, all’aerospazio. Le visite tecniche saranno l’occasione per fare conoscere al mondo le eccellenze del nostro territorio. L’ambizione è inoltre quella di organizzare il primo convegno green a Torino, che consideri e promuova gli aspetti della sostenibilità a tutto tondo, dai trasporti, al cibo, ai pernottamenti, alla gestione dei consumi”.

comunicato stampa

Leggi tutte le notizie di E POE...SIA! ›

Johanna Finocchiaro

Buongiorno, Good morning, Bonjour, Buenos Días, Namasté!
Sono Johanna. Classe 1990, nata a Torino, impiegata, appassionata di lingue straniere e poetessa. Già, poetessa.
Scrivo sin dalla tenera età (mi sono innamorata della poesia dal primo incontro, alle elementari) e leggo, leggo tanto, sempre e ovunque. La mia massima fonte d'ispirazione è l'arte: mi conquista la sua immediatezza, la forza comunicativa, la varietà di forme e concetti espressi, la chiarezza.
Viaggiando, ho compreso quanto il mondo sia dinamico. Mi ci sono adattata, pian piano, stravolgendo piani e idee. Oggi lavoro per un importante istituto bancario ma continuo a essere curiosa. E gioiosa. Faccio parte della corrente letteraria dei Poeti Emozionali e ho, all'attivo, la pubblicazione di tre libri: una silloge corale, un e-book e l'ultimo arrivato, “Clic” (L’Erudita Editore).

E POE...SIA!
Questa rubrica nasce sotto una buona stella o così mi piace pensare; si propone, con determinazione, di avvicinare il lettore a un genere letterario incompreso ma testardo: la poesia.
Perché no!? Perché non recuperarla dal cassetto, vestirla con abiti nuovi, freschi, darle una possibilità? La possibilità di emozionarci, semplicemente questo: riflettere, sentire qualcosa, qualsiasi cosa, con e grazie a Lei.
Allontaniamoci dall'impostazione scolastica e dall'analisi del testo, lasciando spazio, invece, all'analisi del SENSO. Senso che sta per ragione e sensazione insieme. Impariamo a cercare la curiosità, prima delle domande. Accendiamo il pensiero. Che dite, ci lanciamo nel viaggio? Al paracadute provvedo io! 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium