E poe...sia! | 07 novembre 2020, 06:12

I versi in tempo di Covid

La Poesia può e vuole occuparsi della Realtà o resta ancorata al mondo emozionale come un cane sull’osso?

Credit: Antonio Corona

Credit: Antonio Corona

Buon inizio settimana, cari amici.

E grazie per la fiducia, se state leggendo; cercherò di meritarla.

Lo scorso articolo si è occupato di un tema così vasto e sconosciuto da affascinare l’uomo sin dalla preistoria (probabilmente). Non ve ne ricordate? Peggio, non l’avete ancora letto? Non disperate! Potrete trovarlo facilmente scorrendo la rubrica.

Tornando a oggi, come sempre, ho meditato sul da farsi e sul da scriversi.

Che ogni mio intervento vi lasci un pizzico in più di curiosità: sì, desidero questo.

La Poesia ci regala momenti di pace, quiete, intimità. Siamo tutti d’accordo, presumo.

Ma una simile dimensione, così eterea, immateriale, come si adatta invece alla vita di tutti i giorni, terrena, alla sua immediatezza, alla sua violenza? È davvero possibile vederle camminare “a braccetto”, l’una nei panni dell’altra? Soprattutto in tempi come questi, in cui tutti sentiamo il peso dell’incertezza e le questioni “quotidiane” vincono buona parte della nostra attenzione?!

In poche, pochissime parole, la Poesia può e vuole occuparsi della Realtà o resta ancorata al mondo emozionale come un cane sull’osso?

A questo non risponderò. O meglio, lascerò come sempre a Voi lettori l’ardua sentenza, la critica, la riflessione.

Vi propongo, se permettete, una mia lirica ispirata proprio dal periodo sconvolgente in cui viviamo.

Contestualizzo brevemente: maggio, un semaforo rosso, la sosta obbligata, Corso Massimo d’Azeglio, pensieri che vagano sopra Torino.

 

CAMBIO DI ROTTA

Tutto è immobile.

Soffia il vento. C’è il vento e posso vederlo.

Pioggia di polline sul vetro.

È adorabile, giallo chiaro.

Lo soffia il vento sul vetro.

Una scena pura.

La sola che ci è data godere.

Finalmente;

ha la nostra attenzione.

Gemme.

Tronchi snelli conquistano i muri di cinta della prigione.

Esplode il verde brillante. Fitto.

Guardo al vetro.

Chiudo gli occhi per poco. E vedo.

Semaforo rosso.

L’attesa non pesa.

Realizzo che sto bene, in quel silenzio.

Che sto bene nel vento.

Che ho tempo,

per i tronchi, per il silenzio, per le gemme verdi.

Qualche uccellino canta.

Mi allieta al punto che mi commuovo.

No,

niente è immobile.

“Chiudo gli occhi per poco. E vedo”

Vi è mai capitato?

Pensateci su.

Alla prossima!

Johanna Poetessa

Leggi tutte le notizie di E POE...SIA! ›

Johanna Finocchiaro

Buongiorno, Good morning, Bonjour, Buenos Días, Namasté!
Sono Johanna. Classe 1990, nata a Torino, impiegata, appassionata di lingue straniere e poetessa. Già, poetessa.
Scrivo sin dalla tenera età (mi sono innamorata della poesia dal primo incontro, alle elementari) e leggo, leggo tanto, sempre e ovunque. La mia massima fonte d'ispirazione è l'arte: mi conquista la sua immediatezza, la forza comunicativa, la varietà di forme e concetti espressi, la chiarezza.
Viaggiando, ho compreso quanto il mondo sia dinamico. Mi ci sono adattata, pian piano, stravolgendo piani e idee. Oggi lavoro per un importante istituto bancario ma continuo a essere curiosa. E gioiosa. Faccio parte della corrente letteraria dei Poeti Emozionali e ho, all'attivo, la pubblicazione di tre libri: una silloge corale, un e-book e l'ultimo arrivato, “Clic” (L’Erudita Editore).

E POE...SIA!
Questa rubrica nasce sotto una buona stella o così mi piace pensare; si propone, con determinazione, di avvicinare il lettore a un genere letterario incompreso ma testardo: la poesia.
Perché no!? Perché non recuperarla dal cassetto, vestirla con abiti nuovi, freschi, darle una possibilità? La possibilità di emozionarci, semplicemente questo: riflettere, sentire qualcosa, qualsiasi cosa, con e grazie a Lei.
Allontaniamoci dall'impostazione scolastica e dall'analisi del testo, lasciando spazio, invece, all'analisi del SENSO. Senso che sta per ragione e sensazione insieme. Impariamo a cercare la curiosità, prima delle domande. Accendiamo il pensiero. Che dite, ci lanciamo nel viaggio? Al paracadute provvedo io! 

Leggi anche

domenica 11 aprile
domenica 28 marzo
domenica 14 marzo
domenica 28 febbraio
domenica 14 febbraio
Mark Sugar, "Ossessione", 50 x 27 x 13 cm, Sand, polylactic acid, resin and acrylic, 2020
(h. 07:56)
domenica 31 gennaio
"Memories from nothing"; Artist: Emanuele Tozzoli
(h. 08:24)
domenica 24 gennaio
Disegno di Mariella Antonia Balla
(h. 08:10)
domenica 17 gennaio
domenica 10 gennaio
domenica 03 gennaio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium