/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 19 gennaio 2021, 19:48

Passa la linea GL Events: Comune, Regione e Camera di Commercio scrivono al Governo per salvare Lingotto Fiere

Sul tavolo, come chiesto dal gruppo francese la scorsa primavera, un nuovo modello di gestione che veda la proprietà pubblica del complesso immobiliare. "Siamo gli unici a non farlo, in Italia"

L'ingresso di Lingotto Fiere

Per il rilancio di Lingotto Fiere si cerca la strada della partnership pubblico-privata

Una lettera al Governo per sostenere Lingotto Fiere, facendone il Polo Fieristico torinese e piemontese per eccellenza. E' quella che stanno spedendo in queste ore gli enti locali - Comune, Regione e Camera di Commercio - cercando una sponda nei ministeri del Turismo e dello Sviluppo Economico su quella che potrebbe essere una strada da seguire per rilanciare uno spazio che al momento suona come un tasto dolente (se non un nervo scoperto) del panorama cittadino.

C'era una volta infatti una Torino (e un Piemonte) che puntavano sul turismo. Anche quello congressuale, legato cioè a fiere, eventi e riunioni business. Poi qualcosa nell'ingranaggio si è inceppato. Un po' per alcune difficoltà nella gestione (e nei costi) degli spazi, un po' perché la pioggia gelata del Covid è scesa a bloccare anche questa attività: tra le prime a fermarsi - con l'organizzazione dell'edizione 2020 di Expocasa bloccata mentre gli espositori già montavano gli stand - e ancora lontana dal ripartire. Con ricadute evidenti sul settore, sia a livello economico che occupazionale.

Da qui, dunque, il territorio cerca di ripartire. E la soluzione, per non perdere un'area che per tradizione ospita gli eventi fieristici cittadini (dalla Fiera del Libro a molte altre kermesse) deve essere una collaborazione tra il settore pubblico e quello privato. In particolare GL Events, società di matrice francese che al momento gestisce gli spazi che sorgono accanto alla vecchia fabbrica di automobili, oggi centro commerciale. Peraltro rifatto di recente. Proprio da GL Events era stata tratteggiata l'ipotesi di una partnership con gli enti locali, per scongiurare la chiusura di Lingotto Fiere. Da loro era arrivata l’esigenza di risolvere “una situazione di ricorrenti perdite finanziarie [...] non più accettabile per il nostro gruppo” . Ma aprendo a "un modello di governance, valido quasi ovunque in Italia e nel mondo, che veda il complesso immobiliare di Lingotto Fiere diventare proprietà delle istituzioni pubbliche".
Dunque, si segue la strada indicata dai partner transalpini. Sperando che nel frattempo la pandemia smetta di mordere e che l'intero comparto possa ripartire.

La strategia è stata messa a punto in occasione di una riunione cui hanno preso parte il presidente della Regione, Alberto Cirio, l’assessore regionale alle Partecipate, Fabrizio Ricca e l'assessore alla Cultura, Turismo e Commercio, Vittoria Poggio, con l’assessore al Turismo e Commercio del Comune di Torino, Alberto Sacco e il presidente e il segretario generale della Camera di commercio di Torino, Dario Gallina e Guido Bolatto.

Torino è l’unica Città Metropolitana italiana in cui gli Enti locali non hanno una gestione diretta o partecipata del proprio centro fieristico - dicono gli enti locali, riprendendo di fatto quanto detto da GL Events nel suo documento -. Riteniamo che una possibile soluzione, da condividere, sia la sperimentazione di un nuovo modello di business pubblico-privato fondato sulla cooperazione di tali componenti, come accaduto in altri Paesi europei. L’auspicio di queste istituzioni è quello di poter contare su un sostegno dell’intero Governo, al fine di poter individuare insieme una soluzione strutturale permettendo alla Regione Piemonte e alla Città di Torino di continuare a contare su una realtà fieristico-congressuale molto importante come quella di Lingotto Fiere”.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium