E poe...sia! | 11 dicembre 2022, 10:55

Penne, penne, penne! Un storia che nasce alle porte di Torino

Arriva da Settimo un oggetto tanto simbolico quanto essenziale

Marta, fotografia di Ritta Ikonen & Karoline Hjorth

Marta, fotografia di Ritta Ikonen & Karoline Hjorth

#poetrylovers di tutto il mondo, felice domenica!

Chiudiamo l'anno 2022 con i soliti buoni propositi, gli auguri di tante care cose e un articolo alquanto... “vanitoso”; sì, perché l'intento spudorato è quello di vantare. Non me stessa, chiaramente, bensì una delle meglio riuscite produzioni piemontesi degli ultimi decenni: la PENNA.

Lontani dalle più comuni immagini di automobili, gianduiotti e vino (di cui siamo fieri, per carità!), vogliamo quest'oggi avvicinarci alla storia economico-sociale di una ridente cittadina della provincia di Torino, Settimo Torinese, per molti anni leader nella produzione di un oggetto tanto simbolico quanto essenziale. E vorrete mica la vostra affezionata Johanna Poetessa non sia informata su un fatto simile!? Dove prendono vita le penne, lei accorre!

Mi sembra già di sentire le domande che vanno formandosi: come Settimo T.se è potuta diventare la capitale internazionale degli articoli per la scrittura, quali fattori e personaggi hanno giocato il ruolo di catalizzatori, “scrivendo” così una pagina di rilievo nella storia locale?

Impossibile non partire dagli incredibili traguardi raggiunti dalle aziende locali e non tenerne conto per saggiarne la tenacia. A partire dal secondo dopoguerra, infatti, spesso in condizioni sfavorevoli e senza il sostegno di finanziatori esterni o incentivi statali (oggi tanto in voga, allora neppure concepiti), coraggiosi lavoratori settimesi – operai e piccoli artigiani trasformatisi poi in imprenditori – seppero diversificare le produzioni in base alla domanda del mercato e al gusto che andava formandosi nel pubblico. Ciò dimostrò sin da subito le loro grandi capacità di adattamento e la spinta creativa in un momento di ritrovato slancio misto pur sempre a scie di paura.

Un breve ma completo excursus sui passaggi salienti: attorno alla metà del XIX secolo, nel Piemonte governato da Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II, la famiglia Pagliero cominciò a specializzarsi nella fabbricazione di bottoni in osso, un’attività che trovò terreno fertile soprattutto dopo l’Unità d’Italia. Proseguendo con la sua storia, fu proprio di ritorno da un viaggio in Veneto (nel 1912) che il capostipite, Luigi Pagliero, iniziò a lavorare materiali alternativi quali l'avorio, la tartaruga, la galalite e la celluloide: quell'evoluzione segnò la prima fase di un lungo e complesso processo di diversificazione produttiva. Il passo successivo fu di avventurarsi nel campo delle penne stilografiche e delle matite a mina scorrevole. Come ogni rivoluzionario che si rispetti, venne presto imitato: i primi furono quelli ribattezzati goliardicamente “veronesi” (ricordiamo Favetta, Giacomazzi, Draba), lavoratori immigrati che si stanziarono infine nel ramo meridionale del Monte Baldo, fra il lago di Garda e la valle dell’Adige.

Durante il secondo conflitto mondiale, com'era prevedibile, furono in molti a dedicarsi alla produzione di penne: lavandai, artigiani, negozianti, meccanici... Ovunque sorsero laboratori, anche grazie alle lucrose commesse germaniche. Non soltanto più Settimo, bensì un effetto domino che pervase i comuni limitrofi di Volpiano, Leinì, Borgaro e Brandizzo. Tuttavia, finita la guerra, in un contesto economico assai mutato e più conscio del mercato europeo, chi riuscì a perseverare e conseguire risultati duraturi nel settore della cancelleria dovette necessariamente provvedere a migliorarne la qualità, puntando ad esempio sulle materie termoplastiche, sull'incremento della produzione e della sua varietà e, ancora, sull'automatizzazione degli impianti, continuando parallelamente la ricerca di nuovi acquirenti per le penne a sfera e le penne a feltro (i cosiddetti “pennarelli”). Da questo momento in poi si riscontrano i maggiori successi per l'industria settimese.

Per quanto curioso e affascinante, questo episodio della storia economica piemontese mette in luce un fatto: gli operatori di settore - detti “piumisti”, com'erano chiamati a Settimo T.se - non seguirono “rotte” prestabilite in vista di precisi “approdi” e non seppero reinventarsi o prevedere le future difficoltà che li avrebbero investiti. In altre parole, la maggior parte delle attività non ebbe piena coscienza delle caratteristiche, delle implicazioni e dei limiti intrinsechi a una crescita destinata a mutare, seppur sbalorditiva.

Un autentico fiume d’oro il quale, tuttavia, non riuscì a inondare ma soltanto a lambire Settimo e dintorni.

Nonostante ciò, “fino agli anni 70-80 del secolo scorso uscivano dalle fabbriche di Settimo circa otto milioni di penne al giorno” (Silvio Bertotto, Una città in punta di penna)!

Dal 2008 in poi, invece, con l’utilizzo massiccio degli strumenti digitali di scrittura, la delocalizzazione delle aziende, l’arrivo dei prodotti asiatici e la pesante crisi economica, è iniziata una profonda e costante curva di discesa nella produzione locale di penne. Oggi, in quei medesimi territori, le aziende di settore ancora attive sono meno di dieci e la maggioranza non si occupa più di penne stilografiche bensì di penne a sfera promozionali o pennarelli in plastica. Anch’esse si sono ridimensionate e alcune - spesso piccole imprese familiari - hanno orientato le proprie produzioni verso oggetti di altissima gamma, venduti e apprezzati soprattutto sul mercato estero.

Quello stesso inclemente mercato che tutt'oggi contribuisce a selezionare drasticamente le aziende (per non dire decapitare), risparmiando soltanto chi sa stare al passo.

Tuttavia, in un contesto di forte globalizzazione economica e spaventosa concorrenza dai paesi dell'est, l'industria della penna piemontese resiste seppure in formato ridotto: laddove tutto era nato ed esploso, prosegue una tradizione di alta qualità e funzionalità. La scrittura, per ora, è salva!

Conoscevate questa storia?

La lirica di oggi è tratta dalla raccolta “Uno spasso” (1967) della meravigliosa poetessa polacca Wisława Szymborska.

 

LA GIOIA DI SCRIVERE

Dove corre questa cerva scritta in un bosco scritto?

Ad abbeverarsi ad un'acqua scritta

che riflette il suo musetto come carta carbone?

Perché alza la testa, sente forse qualcosa?

Poggiata su esili zampe prese in prestito dalla verità,

da sotto le mie dita rizza le orecchie.

Silenzio – anche questa parola fruscia sulla carta

e scosta

i rami generati dalla parola “bosco”.


Sopra il foglio bianco si preparano al balzo

lettere che possono mettersi male,

un assedio di frasi

che non lasceranno scampo.


In una goccia d'inchiostro c'è una buona scorta

di cacciatori con l'occhio al mirino,

pronti a correr giù per la ripida penna,

a circondare la cerva, a puntare.


Dimenticano che la vita non è qui.

Altre leggi, nero su bianco, vigono qui.

Un batter d'occhio durerà quanto dico io,

si lascerà dividere in piccole eternità

piene di pallottole fermate in volo.


Non una cosa avverrà qui se non voglio.

Senza il mio assenso non cadrà foglia,

né si piegherà stelo sotto il punto del piccolo zoccolo.


C'è dunque un mondo

di cui reggo le sorti indipendenti?

Un tempo che lego con catene di segni?

Un esistere a un mio comando incessante?


La gioia di scrivere

Il potere di perpetuare.

La vendetta d'una mano mortale.


Questo verso in particolare:

C'è dunque un mondo

Perché non proporci di conoscerlo sempre meglio, tramite la #scrittura, appunto – la #lettura – l'#arte – la #poesia?

Pensateci su.

A proposito, buone feste! E, nel dubbio, regalate una penna!

Johanna Poetessa

Leggi tutte le notizie di E POE...SIA! ›

Johanna Finocchiaro

Buongiorno, Good morning, Bonjour, Buenos Días, Namasté!
Sono Johanna. Classe 1990, nata a Torino, appassionata di musica, viaggi, lingue straniere e poesia. Già, POESIA.
Scrivo sin dalla tenera età (mi sono innamorata di lei al nostro primo incontro, alle scuole elementari) e leggo, leggo tanto, sempre e ovunque. La mia massima fonte d'ispirazione è la natura e l'arte sua complice: mi conquistano l'immediatezza, la forza comunicativa, la varietà di forme e concetti espressi, la contraddizione.
Viaggiando ho compreso quanto il mondo sia immenso, dinamico ed io piccola. Mi ci sono adattata, pian piano, stravolgendo i piani e spostando i limiti. Oggi, continuo ad essere curiosa. E gioiosa. Mi occupo di divulgazione culturale e ho all'attivo quattro pubblicazioni: Clic (L'Erudita Editore), Ramificare (Eretica Edizioni), Specchi (Scrivere Poesia Edizioni), L'Atto versato (Edizioni Il Cuscino di Stelle). Obiettivo primario: sostenere una cultura consapevole, socialmente impegnata.
Mi trovate anche su Wikipoesia!

E POE...SIA!
Questa rubrica nasce sotto una buona stella o così mi piace pensare; si propone, con determinazione, di avvicinare il lettore a un genere letterario incompreso quanto testardo: la poesia.
Perché no!? Perché non recuperarla dal cassetto, vestirla con abiti nuovi, freschi, darle una possibilità? La possibilità di emozionarci, semplicemente questo: riflettere, sentire qualcosa, qualsiasi cosa, con e grazie a Lei.
Allontaniamoci dall'impostazione scolastica e dall'“analisi del testo”, lasciando spazio, invece, all'analisi del SENSO. Senso che sta per ragione e sensazione insieme. Impariamo a cercare la domanda, prima della risposta. E accendiamo il pensiero, tra racconti e storie positive che vado scovando per il mondo. Che dite, ci lanciamo nel viaggio? Al trasporto provvedo io!

Leggi anche

sabato 15 giugno
domenica 19 maggio
domenica 21 aprile
domenica 17 marzo
domenica 18 febbraio
domenica 21 gennaio
domenica 15 ottobre
domenica 17 settembre
domenica 23 luglio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium