/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 09 maggio 2019, 11:15

Salone del Libro, il ministro Bonisoli: "Edizione della rinascita"

"L'Italia si merita di avere una kermesse letteraria internazionale, che si possa confrontare con le fiere di Francoforte e Parigi"

Salone del Libro, il ministro Bonisoli: "Edizione della rinascita"

"Oggi sono molto contento di inaugurare la 32° edizione del Salone del Libro, che possa essere e sarà il Salone della rinascita". Così il Ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli è intervenuto, in Sala Oro, all'inaugurazione della kermesse letteraria del Lingotto. Prima di salire sul palco Bonisoli ha incontrato Halina Birenbaum, una delle ultime sopravvissute ai campi di concentramento. 

"È il primo Salone - ha aggiunto - che frequento come ministro, è il primo Salone di una nuova fase che supera le difficoltà dello scorso anno quando si parlava di fallimento, delle polemiche tra Torino e Milano, se poteva avere un futuro e chi se ne sarebbe occupato".

"A mio avviso - ha continuato Bonisoli - l'Italia si merita di avere una kermesse letteraria internazionale, che si possa confrontare con le fiere di Francoforte e Parigi".

"Qui -ha continuato Bonisoli - si incontrano la domanda e l'offerta, anche quella dei piccoli editori, i lettori si possono incuriosire e raggiungere  un'offerta che spesso non posso trovare nelle librerie".

Il ministro ha poi sottolineato come il Salone sia uno "strumento potente  per chi ha fame cultura: i libri permettono la libera circolazione di idee e così le persone possono formarsi uno spirito critico e una mente aperta, per affrontare ciò che è diverso e lontano".

"Con Chiamparino e Appendino abbiamo sempre avuto un confronto costruttivo di collaborazione: quando c'è un obiettivo comune queste idee diverse si possono superare, si può lavorare per il benessere del paese", ha concluso Bonisoli.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium