/ Sanità

Sanità | 11 maggio 2020, 10:48

Coronavirus, Banco Farmaceutico dona 200mila euro in dpi e disinfettanti

La presidente Mellano: “Grazie ai donatori e ai volontari, ora non interrompiamo il lavoro: c’è bisogno di DPI per le situazioni a rischio e di farmaci per le famiglie povere. Tutti possono aiutare”

Coronavirus, Banco Farmaceutico dona 200mila euro in dpi e disinfettanti

L’Associazione Banco Farmaceutico Torino onlus, durante i mesi della fase 1 dell’emergenza Covid-19, ha consegnato mascherine, copri-scarpe, camici protettivi, disinfettanti per mani e superfici, farmaci e termometri infrarossi per un valore pari a circa 200.000 euro.

Hanno beneficiato delle donazioni le seguenti realtà: Protezione Civile di Codogno e Torino, Croce Verde Torino, Croce Rossa Moncalieri, enti in convenzione BFTO (tra cui Sermig, Misericordes, Camminare Insieme, Rainbow for Africa, Il Cammino, Comunità Madian, Asili Notturni, Gruppo Abele e Protesi Dentaria), altri enti non profit del territorio torinese (parrocchie, Il Cenacolo della Trasfigurazione, Banco Alimentare), Comune di Torino, Servizi per i senza fissa dimora, Diocesi di Torino, Consulta per le persone in difficoltà, Associazione Medicina e Persona e istituti penitenziari di Piemonte, Valle d'Aosta e Liguria.

Ma non bisogna abbassare la guardia: “L’emergenza non è certo finita con l’inizio della cosiddetta fase 2 - chiarisce la presidente Clara Cairola Mellano -, c’è ancora un enorme bisogno di dispositivi di protezione individuale per le persone che lavorano in situazioni a rischio e di farmaci per le famiglie in difficoltà economica e sanitaria, che sono tante e cresceranno ulteriormente nelle prossime settimane. È una fase molto delicata, in cui c’è bisogno dell’aiuto di tutti”.

221.805 EURO DI DONAZIONI: 122.247 EURO IN PROGETTI + 99.558 EURO IN BENI

Ammontano precisamente a 122.247 euro i fondi complessivi messi a disposizione del Banco Farmaceutico Torino da fondazioni, enti pubblici e dalla campagna raccolta fondi, cui si aggiungono 99.558 euro in beni, per un totale di 221.805 euro di donazioni.

  • Dalla progettualità sviluppata in sinergia con la Compagnia di San Paolo sono arrivati investimenti per 80mila euro, di cui 50mila destinati alle carceri.

  • Reale Mutua, Capogruppo di Reale Group, di concerto con il BFTO, ha dedicato quasi 30mila euro al sostegno di Protezione Civile, Comune di Torino e altri enti.

  • La Fondazione Banco Farmaceutico ha messo a disposizione, grazie alla campagna raccolta fondi “Aiutaci a Curare chi si è ammalato”, 450 litri di disinfettante del valore di 4.294 euro.

  • L’azienda L'Oréal ha donato a BFTO, attraverso Banco Building, 47.520 confezioni di bagnodoccia, pari a un valore di 90.288 euro.

  • La generosità dei donatori privati (che hanno risposto alla campagna di raccolta fondi tutt’ora in corso) ha sommato 10mila euro.

Oltre ai beni distribuiti, finora sono stati utilizzati 106.023 euro su 122.247: quasi 60mila euro per detergenti disinfettanti per mani e superfici, 35mila per mascherine FPP1 e FPP2, più di 10mila per altri DPI. Con i restanti fondi a disposizione (circa 16mila), sono in ordinazione altri prodotti e DPI, operazione lunga e complicata viste le difficoltà che interessano la catena di produzione e approvvigionamento di questi beni.

I RINGRAZIAMENTI AI DONATORI E AI VOLONTARI DEL BFTO

“Banco Farmaceutico Torino lavora quotidianamente per il sostegno delle persone in difficoltà sanitaria - commenta la presidente Clara Cairola Mellano - non potevamo certo tirarci indietro in questa situazione di emergenza nazionale. Sono stati due mesi di attività frenetica, devo ringraziare i volontari che hanno reso possibile tutto questo nonostante le evidenti difficoltà dovute al periodo, legate in particolare alle precauzioni da adottare per agire in sicurezza e alla chiusura di molti degli enti che normalmente fanno da tramite verso gli utenti finali. E devo ringraziare ovviamente tutti quelli che ci hanno aiutato con una donazione, in primis Compagnia di San Paolo, Reale Mutua e L’Oreal, ma anche i tanti privati che hanno contribuito alle nostre raccolte fondi”.

L’ALLARME: “SITUAZIONE COMPLICATA, C’E’ ANCORA BISOGNO DI DONAZIONI”

“Ma non dobbiamo abbassare la guardia - conclude Mellano - perché il Covid-19 non è stato sconfitto e le difficoltà delle persone in povertà sanitaria sono destinate ad aumentare con l’acuirsi della crisi economica. Abbiamo ancora bisogno di donazioni da parte di enti pubblici e privati, a questo proposito ricordiamo la nostra campagna di raccolta fondi. Noi siamo animati dalla voglia di fare - bene - quello che è il nostro compito, nella misura in cui possiamo: chiunque voglia dare una mano, ci può contattare”.

“Dona la goccia che può fare la differenza” è il titolo della campagna di racconta fondi, rivolta a donors privati. Tutti i dettagli si trovano sul sito www.bancofarmaceuticotorino.org e sulla pagina Facebook “Banco Farmaceutico Torino”. IBAN IT22L0306909606100000072711.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium