/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2020, 14:40

Covid e fake news sulla salute? Torino si regala un SaluTo di due giorni per combattere la paura

Appuntamento online il 25 e 26 settembre tra talk show e appuntamenti con testimonial che arrivano anche dal mondo dello sport e con la collaborazione di UniTo e Politecnico

Covid e fake news sulla salute? Torino si regala un SaluTo di due giorni per combattere la paura

Si chiama SaluTo e sarà - nei due giorni del 25 e 26 settembre - un evento in streaming in diretta dal Regio che si aprirà alla città (ma anche al resto del mondo) con l'obiettivo di affrontare il tema della Sanità in chiave moderna e al tempo stesso divulgativa. Combattendo timori e paure, diffondendo competenze e cercando di mettere in un angolo le fake news, che soprattutto in questi mesi di crisi e pandemia galoppano sui social (e non solo).

Per due giorni, una specie di televisione "specializzata" alternerà incontri e talk show per affrontare vari aspetti del benessere, anche con la presenza di testimonial dello sport come l'olimpionico Maurizio Damilano. E sarà inevitabile parlare anche dell'attualità, che quindi fa rima con Covid: sia dal punto di vista epidemiologico che dalle conseguenze psicologiche. Il filo conduttore saranno le discipline biomediche, tra bisogno non ancora soddisfatti e prospettive per il futuro.

Qualcosa di "nuovo", insomma. Una collocazione in cui la città della Mole si sistema ormai con disinvoltura. "Torino propone un ecosistema, un network in cui lo sforzo è quello di riconoscere competenze e ruoli dei singoli soggetti e metterli insieme - commenta Marco Pironti, assessore comunale all'Innovazione - e il riconoscimento da parte del Governo come sede del nascente Centro per l'intelligenza artificiale non è che il primo passo. Siamo il primo Paese a livello comunitario ad aver già stabilito una sede fisica, all'interno di questo percorso". La salute è uno dei temi che più potrà essere coinvolto "Le competenze tradizionali e le nuove soluzioni tecnologiche e di intelligenza artificiale potranno dare un grosso contributo in questo campo", aggiunge Pironti.

E un ruolo importante sarà interpretato dalle due Università torinesi. "La nostra terza missione passa anche dall'interazione con le persone, anche utilizzando strumenti comunicativi innovativi", dice Stefano Geuna, rettore di UniTo. "Dobbiamo essere vicini alle persone e cercare di essere comprensibili a tutti, contrastando comportamenti sbagliati e anche notizie false".

"Il tema della salute, per la gente comune, è più rilevante di tanti altri - aggiunge Guido Saracco, rettore del Politecnico - e quindi c'è ancora più stimolo a fare bene e impegnarsi con eventi come questo. Accanto a didattica e ricerca c'è anche l'impatto concreto sulle persone, sensibilizzandole e dotandole di strumenti critici per valutare quello che sta capitando senza avere paura e fidandosi delle tecnologie buone e garantite dagli esperti. Senza quelle scorciatoie che a volte si cercano nel mondo della politica seguendo istinti primitivi e non di sistema. Proprio quello che cerchiamo di fare anche tramite Biennale Tecnologia e non è un caso che questo capiti a Torino, una città a forte trasformazione e dove c'è bisogno delle migliori risorse del territorio per fare delle cose nuove".

In prima fila, tutti i giorni, su questo fronte c'è poi una categoria particolare: quella dei farmacisi. "Mettere insieme tante competenze diverse - aggiunge Mario Giaccone, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Torino - è un percorso fondamentale per la città e le persone che le abitano. La nostra professione funziona al meglio se è inserita all'interno di una rete e la nostra attività di tutti i giorni è del tutto allineato agli obiettivi che si pone una manifestazione come SaluTo. Pensate cosa ha voluto dire nei mesi del lockdown, quando il farmacista è diventato anche ammortizzatore sociale rispetto alle preoccupazioni della cittadinanza e delle persone".

Tra i relatori che interverranno agli eventi, anche Dario Gallina, presidente della Camera di Commercio di Torino: "Salute e benessere hanno assunto un peso enorme anche in termini di benessere e di imprenditoria e noi abbiamo come missione quella di supportare le nostre aziende per cercare ogni opportunità di crescita o di lavoro e questo può accadere solo in grandi ecosistemi, perché la concorrenza internazionale sull'innovazione è fortissima. Ci sono grandi opportunità e Torino, con il Parco della Salute, potrà coinvolgere tutte le nostre realtà e competenze. Infine, appuntamenti come SaluTo permettono di portare informazione corretta e giusta e in questo periodo ce n'è grande bisogno".

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium