/ Attualità

Attualità | 04 dicembre 2020, 07:17

I bimbi scrivono le “letterine di Natale per un sorriso” agli anziani ricoverati nelle Rsa

L'inizativa di Aief, l’associazione infanzia e famiglia, porta un momento di gioia alle persone ricoverate in casa di riposo

I bimbi scrivono le “letterine di Natale per un sorriso” agli anziani ricoverati nelle Rsa

"Rischia di essere un Natale triste, in piena pandemia, quello che passeranno gli anziani ricoverati nelle case di riposo, all'interno delle quali non ci potranno essere le iniziative natalizie degli scorsi anni e gli incontri con i parenti". Così, l'Associazione Infanzia e Famiglia - AIEF lancia il progetto "una letterina per un sorriso" e nei giorni di Natale arriveranno in molte Rsa le letterine dei pensieri che chi vuole potrà dedicare agli anziani per trasmettere loro un pensiero con il calore e la speranza che il Natale porta con sé. Un piccolo gesto di affetto e solidarietà che vuole dedicare un sorriso sotto l'albero a tutti gli anziani ricoverati nelle Rsa e isolati da mesi", lo annuncia Tommaso Varaldo, Presidente dell'Associazione Infanzia e Famiglia AIEF

 

"Con il coinvolgimento dei bambini delle scuole dell'infanzia e delle elementari che aderiranno al progetto si realizza un vero e proprio scambio tra generazioni in cui i più piccoli potranno realizzare disegni o scrivere i propri auguri agli anziani ricoverati, molti dei quali magari sono loro nonni o i nonni dei compagni. Ma lanciamo un appello a tutti i cittadini affinché in tanti e di tutte le età partecipino numerosi a questo progetto inviando la propria letterina dei pensieri all'Associazione, tramite l'email aieftorino@gmail.com, entro il 18 Dicembre. I volontari si occuperanno di consegnarle telematicamente, nei giorni vicini a Natale, alle Rsa di Torino e Provincia che aderiranno al progetto, ma solo dopo aver personalizzato le letterine e i disegni con l'inserimento del nome di un ospite della struttura. Tutti coloro che intendano partecipare a questo progetto - cittadini, scuole, rsa -  possono contattarci e saranno coinvolti", conclude Varaldo

 

All'iniziativa "Letterine per un sorriso" hanno già aderito diverse realtà. Il Distretto Rotaract 2031, nella persona del Rappresentante Distrettuale Davy Gérard, appoggia con piacere il progetto "Gli anziani rappresentano, probabilmente, la generazione più colpita dalla pandemia sia in termini di rischio che essi stessi corrono in quanto soggetti vulnerabili sia in termini di impatto psicologico e di solitudine soprattutto in questi giorni così prossimi al Natale. A tal proposito, il Distretto Rotaract 2031 inviterà i propri soci a sostenere la raccolta di lettere e di pensieri natalizi da rivolgere agli anziani del nostro territorio ed a sostenere AIEF nella distribuzione e nello smistamento del materiale raccolto".

 

Le adesioni stanno arrivando anche da diverse strutture per l'infanzia, ma l'obiettivo è coinvolgere più bambini possibile in questo progetto che ha un grande valore sociale. "Abbiamo sempre creduto molto nell'incontro intergenerazionale, infatti spesso negli anni passati abbiamo accompagnato i bambini presso le case di riposo per far passare loro del tempo con gli anziani leggendo storie e consegnando disegni: momenti terapeutici e sociali molto importante in cui l'emozione si poteva leggere negli occhi dei più anziani. Anche in quest'anno particolare ci teniamo a regalare alle persone più anziane e agli ospiti delle case di riposo un sorriso", commenta Stefano Merulla, responsabile della comunicazione per le strutture dell'infanzia Piccolo Principe di Torino e Didò di San Mauro e Borgaro."Quanti nonni invece in questo particolare momento storico non possono godere della compagnia dei propri nipoti? Tutti gli ospiti nelle case di riposo vivranno un Natale in solitudine e risentiranno emotivamente di un abbraccio mancato. Lo scambio intergenerazionale aiuta a combattere l'isolamento sociale delle persone anziane; i bambini invece imparano a relazionarsi e mettere insieme anziani e bambini diventa una ricchezza per entrambi", aggiunge Viviana Tarantino, titolare dell'asilo Tane delle Birbe di Chieri.

 

Anche dalle case di riposo stanno arrivando le prime adesioni. “Le relazioni tra persone, tra famiglie e tra generazioni in questo anno difficile sono venute a mancare. Abbiamo bisogno di nuovi legami nelle nostre strutture così duramente provate dall’emergenza e dalla solitudine, in cui siamo costretti. La freschezza delle parole e dei disegni dei bimbi agli ospiti delle residenze e’ un dono immenso, perché e’ l'occasione per riaprire lo scambio di amicizia e di saperi tra le generazioni vecchie e nuove, illuminando così questo Natale”, commenta Raffaella Vitale, esperta di servizi per anziani.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium