/ Sanità

Sanità | 09 dicembre 2020, 15:24

Screening di massa, Grimaldi (Luv): "Se si preferisce il tracciamento dei focolai si faccia davvero"

L'invito del capogruppo di Liberi Verdi Uguali in Consiglio regionale: "Si fermi il mercatino di Natale dei tamponi rapidi senza regolamentazione dando a tutti la possibilità di farlo legalmente"

Screening di massa, Grimaldi (Luv): "Se si preferisce il tracciamento dei focolai si faccia davvero"

"Ringraziamo il gruppo di lavoro degli epidemiologi che hanno letto e valutato la nostra proposta, avevamo anche noi avanzato dubbi dal punto di vista organizzativo ma eravamo convinti che, in virtù dell’utilità di monitorare tutti i piemontesi, tali difficoltà potessero essere superate. A differenza di Cirio il parere degli esperti lo teniamo talmente in considerazione che emenderemo il nostro testo affinché sia più rispondente alle reali possibilità ed esigenze della nostra Regione. Dobbiamo però essere altrettanto onesti: non siamo affatto sicuri che le raccomandazioni contenute per migliorare il sistema di tracciamento dei contatti – screening in determinati contesti che, per le proprie caratteristiche, richiedono strategie di monitoraggio mirate, in primis personale sanitario e tutte le famiglie e il personale coinvolto nel mondo della scuola – siano state ascoltate e organizzate dalla Giunta. In fondo stiamo parlando di un dejavù perché quelle sono raccomandazioni che gli esperti avevano formulato già la scorsa estate ma che la nostra Regione è stata del tutto incapace di fare. Se vogliamo evitare la terza ondata è bene che i progetti per fronteggiarla siano già pronti. Noi purtroppo attendiamo ancora di conoscerli” – è il commento di Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi.

“Sappiamo che lo screening nelle scuole non è mai partito, quello nelle strutture sanitarie è andato a singhiozzo e non ha incluso molti operatori non sanitari che negli ospedali ci lavorano, e il tracciamento è saltato a inizio ottobre, non appena i contagi hanno ripreso timidamente a salire; cosa è davvero cambiato nel frattempo?” – si chiede Grimaldi.

“Infine, se la Regione non ritiene di poter e dover monitorare tutti i piemontesi, nel mondo reale si sta scatenando il 'mercato di Natale' che non è come quelli colorati nelle nostre piazze pre-Covid – prosegue Grimaldi – ma la corsa dei tanti privati a fare test rapidi, confondendo spesso l’offerta degli antigenici con i sierologici, offrendoli a prezzi esorbitanti (anche 75 euro per un test che ne dovrebbe costare 30) e senza inserire il risultato nel registro regionale. Alcuni lo avranno fatto in buona fede, ma molti sono semplicemente farabutti che speculano sulla legittima voglia delle persone di incontrarsi in sicurezza durante le feste anche in rispetto dei decreti nazionali; è compito della Regione mettere un freno ai mercatini del tampone sottotraccia, prima che si arrivi al mercato nero – conclude Grimaldi – con tamponi fatti ad ogni angolo da persone non adeguate, senza ricevuta e con l’esito scritto sulla carta da pacchi. Possiamo consultare in fretta MMG e farmacie per capire come rendere questo desiderio legale e possibile?”.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium