/ Attualità

Attualità | 12 giugno 2021, 14:52

A settembre riapre il Motovelodromo: nuova pista da bici, pump track, campi da padel e beach volley

Investimento da 5 milioni di euro. Prevista anche un'area per la ristorazione, eventi serali e spazio polivalente per ginnastica outdoor, calcio e rugby

open day motovelodromo

Il motovelodromo di Corso Casale

Al via alla riqualificazione del Motovelodromo, che rinnovato riaprirà le porte ai torinesi a settembre con una nuova pista per le bici e da atletica, otto campi da padel e quattro da beach volley. I lavori sono stati presentati questa mattina, durante il weekend di Open Days dello storico impianto di corso Casale, da Fabrizio Rostagno, CEO della società che si occuperà del recupero e gestione della struttura.

Inaugurato nel 1920, il Comune lo ha ceduto per 60 anni

Dopo moltissimi anni di chiusura – ha spiegato – entro dieci giorni prenderanno il via gli interventi per la restituzione di questo impianto al mondo del ciclismo su pista e alla cittadinanza”. Inaugurato nel 1920 con un ruolo di rilievo nella ripresa della Torino flagellata dalla Spagnola, il Comune ha ceduto il Fausto Coppi per 60 anni, vincolandolo ad una destinazione sportiva.

8 campi da padel, 4 da beach volley, pump track e pista da corsa campestre

La prima fase dei lavori, che si concluderanno a settembre, prevede la riqualificazione della “pista per le bici, che verrà resa omologabile e avrà un nuovo manto, creando anche una pista di atletica”. In parallelo si interverrà sull’area interna delimitata dall’anello, che rappresenta circa 14.000 dei 24.000mq totali, dove saranno costruiti otto campi da padel, quattro campi da beach volley e una pista adibita alla corsa campestre. Ad arricchire l’offerta anche una pump track di 86 metri: il circuito con dossi artificiali per gli allenamenti con la mountain bike sarà il primo del suo genere ad aprire nel centro di Torino.

Area per la ristorazione, eventi serali e spazio polivalente per ginnastica outdoor, calcio e rugby

Interventi destinati a concludersi per l’autunno 2021, a cui seguiranno quelli per il recupero della tribuna, la realizzazione degli spogliatoi e di un’area dedicata alla ristorazione. Verrà poi riqualificata una parte dell’area verde destinata a diventare uno spazio polivalente per ginnastica outdoor, lezioni di calcio e rugby per bambini, ma anche eventi serali estivi. Questo secondo cantiere dovrebbe essere ultimato entro aprile 2022. Il costo totale di questi lavori, come ha chiarito Rostagno, è di 5 milioni di euro: previsto l’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale e sarà massimizzato l’efficientamento energetico.  

Previste colonnine per auto elettriche e riuso acqua piovana

In seguito, per il mantenimento e l’operatività della struttura, sarà riutilizzata l’acqua piovana, sarà fatto uso di fonti di energia rinnovabile (fotovoltaico, collettori termici), la gestione dei rifiuti sarà improntata al riciclo e quanto possibile plastic-free e saranno sviluppate azioni coerenti con le politiche di mobilità sostenibile, con impianti di car sharing, bike park verticale e colonnine di ricarica per vetture elettriche

Sport gratis per over 65, bambini e persone in difficoltà economica

L’impianto avrà anche una vocazione più sociale, grazie alla partnership con MO.VE. L’associazione ha ottenuto un contributo dalla Compagnia di San Paolo, nell’ambito del bando “Muoviamoci!”, finalizzato a sostenere e diffondere l’attività fisica e sportiva. Previste quindi – dall’autunno 2021 e per tutto il 2022 - attività di sport gratuito con attenzione specifica a bambine/i, giovani, anziani (over 65) e persone con fragilità economiche e sociali e promuovere la cultura dello sport come strumento di benessere e qualità della vita.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium