/ Cronaca

Cronaca | 26 maggio 2022, 21:43

Grattacielo Regione Piemonte, la Cassazione annulla la sentenza: processo da rifare

In appello erano arrivate due condanne e altrettante assoluzioni

grattacielo regione

Grattacielo Regione Piemonte, la Cassazione annulla la sentenza: processo da rifare

Si dovrà rifare il processo d'appello per la costruzione del grattacielo che a Torino ospiterà la sede della Regione Piemonte. La Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con cui il 10 maggio 2021 erano state pronunciate due condanne e due proscioglimenti per prescrizione.

in base al dispositivo sono stati accolti sia i ricorsi della procura generale che degli avvocati difensori, Aldo Mirate e Roberto Piacentino. La corte d'appello aveva inflitto un anno e sei mesi di reclusione a Carlo Savasta, direttore dei lavori, e Luigi Robino, responsabile del procedimento, modificando il capo d'accusa da corruzione a favoreggiamento. Per Paolo Rosa, amministratore della societa' Coop 7, e Maria Grazia Ferreri, dirigente regionale, è stata dichiarata la prescrizione per gli episodi risalenti a prima del 21 maggio 2012.

"Con le motivazioni - ha commentato Mirate - ne sapremo di più. Noi avevamo contestato la tesi dell'esistenza di un accordo corruttivo e, quindi, anche di un favoreggiamento". Secondo la procura il progetto originale del grattacielo, firmato dall'architetto Massimiliano Fuksas, era stato arbitrariamente modificato per avvantaggiare alcune aziende.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium