/ Attualità

Attualità | 27 febbraio 2020, 19:10

Coronavirus, Appendino:"Impegno per ripartire è massimo: la paura non inaridisca vivere comune"

"Seguire le indicazioni delle autorità è la forma migliore per proteggere se stessi e gli altri. Mantenerci aperti e solidali significa impedire che le barriere fisiche divengano barriere sociali e valoriali"

Coronavirus, Appendino:"Impegno per ripartire è massimo: la paura non inaridisca vivere comune"

L’impegno profuso per ripartire il prima possibile è massimo”. E’ questo il messaggio che la sindaca Chiara Appendino invia ai torinesi in una lettera aperta sull’emergenza Coronavirus, dove lancia anche il seguente appello “la paura e lo spaesamento non devono inaridire il nostro vivere comune”.

Un invito che la prima cittadina fa, dopo aver ricordato due episodi di cronaca: il furto nella sala pre-triage del Sant’Anna di dieci mascherine in uso al personale sanitario, e la donazione di mille mascherine alla Croce Rossa da parte di un rider di 35 anni.

Due immagini – spiega la sindaca - esatta rappresentazione di diversi tipi di comunità: quella destinata a morire vittima di solitudine e individualismo e quella che invece cresce insieme”.

Appendino ricorda poi come “seguire le indicazioni delle autorità è la forma migliore per proteggere se stessi e gli altri. Mantenerci aperti e solidali significa impedire che le barriere fisiche divengano barriere sociali e valoriali. E confermare, ancora una volta, ciò che siamo, la nostra storia, la nostra tradizione”.

È dunque a tutti i torinesi che mi rivolgo per chiedere che, ancora una volta, dimostrino quella solidarietà che ci ha sempre contraddistinto” conclude la sindaca.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium