/ Attualità

Attualità | 28 gennaio 2022, 06:20

Cinema in ginocchio, Boggio (Agis): "Mai vista una crisi così. Perdite fino al 90% sugli incassi”

Pochi film in distruzione, le restrizioni per il covid e l’aumento della pirateria online portano il settore al limite. Tomelleri (Anec): "Ci sentiamo discriminati dalle norme nazionali"

Cinema in ginocchio, Boggio (Agis): "Mai vista una crisi così. Perdite fino al 90% sugli incassi”

“A Natale abbiamo registrato una perdita del 65%, in generale siamo tra -70 e -90% di incassi. Ho 69 anni e non ho mai visto una crisi come questa”. A parlare è Luigi Boggio, gestore del Cinema Idedal Cityplex di corso Giambattista Beccaria, nonché presidente di Agis.  

“Il settore dei cinema è l’unico che non riesce a riprendersi. Per noi gestori è un’agonia”. 

Pochi film in distruzione, la paura portata dal covid e l’aumento della pirateria online, stanno impedendo alla categoria di riprendersi. Dopo una breve boccata d’ossigeno data dall’arrivo nelle sale di “Spiderman: no way home”, i cinema stanno di nuovo affrontando un periodo di profonda depressione.

“Dal 24 dicembre, quando esplosi i contagi e si sono fatte più stringenti le normative, c’è stato un crollo verticale degli ingressi con perdite del 70/80%. Si sperava di esserne fuori, ma è stato peggio di prima”. 

Questo nonostante il rispetto delle norme di sicurezza, molto elevate nelle sale, in cui per accedere occorre il super green pass, è ancora negata la vendita del cibo, i biglietti si comprano online e l’aria è cambiata ogni ora. 

“Sono uno dei luoghi più sicuri: non si parla, non si mangia, si guarda davanti, abbiamo impianti di areazione che per legge devono fare ricicli costanti. Non ci risultano né a livello nazionale che internazionale ricerche sui cinematografi che abbiano registrato particolari focolai di covid”. 

Nonostante le difficoltà per ora i cinema locali resistono. “Non risultano locali che abbiano chiuso, ma siamo tutti molto preoccupati per il futuro”.

Arrigo Tomelleri, presidente di Anec, è altrettanto preoccupato: “Solo ieri, in tutto il giorno in Piemonte abbiamo avuto meno di mille ingressi. I gestori sono allo stremo delle forze. Il nostro è un settore che a livello regionale conta oltre 900 dipendenti, come li paghiamo senza ingressi?”.  

Tomelleri punta il dito anche sulla politica nazionale: “Il problema principale è quello della pirateria online. Nessuno fa niente per bloccare chi scarica abusivamente. Non abbiamo norme, ma ora più di prima il settore va difeso”.  

E su alcune regole per il contenimento del covid: “Dobbiamo poter tornare anche a offrire prodotti al bar. Che differenza c’è tra chi mangia pop corn al cinema e chi mangia al ristorante? Senza contare che il 31 gennaio riapriranno le discoteca. Ci sentiamo discriminati dalle norme nazionali”. 

Il presidente Anec riconosce l’impegno a livello regionale. “Si sta pensando a un piano triennale per salvaguardare la situazione, ma il 1° marzo dovremo restituire i prestiti ricevuti per il periodo di chiusura per covid. Se il mercato non si riprende non so come faremo”. E aggiunge: “Per tornare agli incassi del 2019 dovremo intervenire a livello di normative, ma anche così ci vorranno almeno due o tre anni”. 

Cosa fare dunque? “Ci deve essere prima di tutto meno paura tra la gente - spiega Boggi - deve tornare la voglia di andare al cinema. Poi dovrebbero uscire i film e contemporaneamente creare delle finestre di distribuzione: prima escono al cinema, poi sulle tv a pagamento e così via fino alla tv commerciale libera. Infine, dare un giro di vite sul grande problema della pirateria”. 

 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium