ELEZIONI REGIONALI
 / Attualità

Attualità | 23 marzo 2023, 17:25

Piazza Baldissera dice addio alla rotonda, arrivano 6 semafori: ridotti di un terzo i tempi delle code

Tra impianto semaforico e sistemazione della superfice, stimato un costo tra i 3 e i 4 milioni di euro. Lavori al via nel 2024

piazza baldissera

Piazza Baldissera dice addio alla rotonda, arrivano 6 semafori

Dopo anni di ingorghi, e ore perse dagli automobilisti imbottigliati nel traffico, Torino dice addio alla rotonda di piazza Baldissera. Al posto della rotatoria - dove confluiscono corso Principe Oddone, via Cecchi, corso Vigevano, via Stradella, corso Venezia e corso Mortara - arriveranno sei semafori intelligenti, che regoleranno il passaggio delle auto e camion in base ai reali flussi di traffico. Impianti che consentiranno di ridurre di un terzo i tempi di attesa rispetto a quelli attuali, arrivando ad una media di 91 secondi, con punte massime di 115.

Dopo la presentazione nelle scorse settimane alle Circoscrizioni 4-5-6-7, lo studio questo pomeriggio è arrivato in Commissione. E a confermare che questo sia uno dei nodi più critici per la viabilità cittadina sono i numeri illustrati dagli uffici alla viabilità.

5mila macchine all'ora

Nelle ore di punta di passaggio dei pendolari (17.30-18.30) piazza Baldissera viene attraversata da circa 4.500/ 5mila veicoli, di cui una piccola percentuale (tra l'1% ed il 3%) sono camion. Ai mezzi si aggiungono anche i pedoni, le biciclette e i monopattini, che sommati sono tra i 200 e i 300 l'ora. Quanto ai tempi d'attesa per entrare nella rotonda, lo studio calcola attese medie di 5-7 minuti, con punte che arrivano fino agli 11 su alcune delle arterie.

"Le rotonde con oltre 3.500 veicoli in ingresso - hanno spiegato dagli uffici - funzionano male".

Arriva il tram 10

Oltre alle criticità già note, come l'anello centrale troppo stretto, l'inserimento della linea tram 10 peggiorerà la situazione. I binari infatti taglieranno la rotonda, collegando via Cecchi a via Stradella: i passaggi frequenti (ogni 7 minuti circa) sono destinati a mandare in tilt il traffico. Da qui la decisione della città di mettere i semafori, mandando in soffitta l'idea del tunnel.

3-4 mln di euro per l'impianto

Le lanterne hanno un costo economico nettamente inferiore: se infatti il sottopasso avrebbe significato per il Comune un esborso economico da 40 milioni di euro, per l'impianto semaforizzato e la sistemazione superficiale si stima una spesa tra i tre e i quattro milioni di euro. Su quest'ultimo punto, l'assessore alla viabilità Chiara Foglietta è stata netta: "Stiamo cercando i fondi. Sono speranzosa che nel 2024 prenderanno al via i lavori".

Critica la Consulta

Tra le novità, corso Principe Oddone passerà a cinque corsie, mentre tutte le altre strade ne avranno quattro. Critico il presidente della Consulta per la mobilità ciclistica Diego Vezza, che ha sottolineato: "Il caos si genera nelle 4 ore di punta, nel resto delle venti ore no".

"Quale è il messaggio - ha rincarato - che il progetto vuole dare? Cittadini usate l'auto, avete ben 5 corsie".

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium