/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 25 ottobre 2019, 10:57

Sit-in dei lavoratori delle autostrade in piazza Castello: "La Regione tuteli noi e le nostre famiglie" [VIDEO]

I dipendenti chiedono a gran voce l'inserimento della clausola di salvaguardia nel contratto nazionale

Sit-in dei lavoratori delle autostrade in piazza Castello: "La Regione tuteli noi e le nostre famiglie" [VIDEO]

Rinnovo del contratto nazionale e inserimento della clausola di salvaguardia. Sono queste le sue richieste avanzate dai lavoratori piemontesi delle autostrade, riunitisi in un sit-in in piazza Castello, sotto il palazzo della Regione. 

In 150, con bandiere, fischietti e megafoni si sono ritrovati per manifestare e dare voce a tutti i colleghi, sia casellanti che operai o dipendenti degli uffici amministrativi. Il presidio di oggi non è il primo: solo nell'ultimo periodo, il personale di Autostrade aveva già manifestato la propria preoccupazione sia sotto la sede torinese di Ativa che dando vita a uno sciopero. Una protesta nata a causa dell’imminente accorpamento tra Ativa stessa e Satap A21, a seguito di un nuovo bando di gara.

Oggi, visto che nulla è cambiato, i lavoratori chiederanno alla Regione di farsi carico, a livello istituzionale, della loro problematica. "Chiediamo che venga inserita una clausola sociale chiara, che preservi i livelli occupazionali e retributivi maturati e maturandi", spiega Hyari Toneatto, Rsu Ativa e funzionario Filt Cgil. Lo spauracchio dei licenziamenti, quindi, è più che mai reale: “Chiediamo alla Regione di farsi carico di questa situazione, che potrebbe portare un impoverimento sul territorio. Si parla di circa 500 lavoratori in Piemonte” conclude poi Toneatto.

 

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium