/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 16 giugno 2021, 18:48

Dipendenti comunali, Rolando: “Stiamo organizzando concorsi per assistenti sociali, educatori e altre figure professionali”

L'assessore al bilancio risponde così alle sollecitazioni della consigliera comunale PD Elide Tisi, autrice di una mozione sul futuro dei contratti a termine e degli interinali

palazzo civico

Dipendenti comunali, l'annuncio di Rolando: “Stiamo organizzando concorsi per assistenti sociali, educatori e altre figure professionali”

La Città di Torino lancerà a breve dei concorsi per nuovi inserimenti nel proprio organico: ad annunciarlo, nel corso di una Commissione indetta per approfondire un'apposita mozione proposta dalla consigliera comunale PD Elide Tisi e approvata dalla Sala Rossa, è stato l'assessore al bilancio Sergio Rolando.

Concorso per assistenti sociali, educatori e altre figure professionali

Nella mozione, venivano richiesta delucidazioni sul futuro dei dipendenti a tempo determinato e del personale che presta servizio presso l'ente pubblico attraverso la somministrazione lavoro (interinali): “Nell'ambito dei tavoli tecnici – ha dichiarato Rolando – condivisi con i sindacati abbiamo lavorato per trovare le giuste modalità operative per tutelare le professionalità acquisite, prevedendo l'inserimento nel piano fabbisogni 22-23 di assunzioni a tempo indeterminato di assistenti sociali, educatori, mediatori culturali, mediatori penali e responsabili rendicontazione".

"Faremo in modo di attribuire un punteggio per il servizio prestato precedentemente; il concorso per le 120 figure amministrative richiederà invece più tempo”. Sulla richiesta specifica di stabilizzazione dei contratti in essere, Rolando ha invece glissato: “La normativa - ha proseguito – può essere applicata alla sanità ma non agli enti locali”.

Tisi e i sindacati: “Rinnovare i contratti”

Di tutt'altro avviso sono, però, sia Tisi che i sindacati: “Non mi risulta - ha commentato la prima – che la lettura data a livello nazionale sull'argomento riguardasse soltanto le aziende sanitarie: sarebbe opportuno capire se si è trovata una convergenza per consentire di salvaguardare sia i servizi ai cittadini che la continuità occupazionale, una prospettiva che auspichiamo venga inserita in un contesto più organico”. “La lettura congiunta - ha aggiunto Lucia Santangelo di NIdil CGIL – della disciplina di riferimento rispetto ai contratti di somministrazione per la pubblica amministrazione prevede la possibilità di andare oltre i 36 mesi del singolo contratto, la stabilizzazione attraverso concorsi pubblici riguarda soltanto un terzo dei lavoratori. La questione può essere quindi risolta senza ricadute giuridiche e senza costi aggiuntivi per l'amministrazione perché non si tratta di un aumento di servizi ma di continuità e turnover”.

La Divisione Personale del Comune: “Siamo in attesa di risposte da ARAN”

Dalla Divisione Personale del Comune, nel frattempo, hanno cercato di fare chiarezza: “Abbiamo chiesto conferme dell'interpretazione sindacale – ha spiegato la dirigente Antonella Rava – all'ARAN (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, ndr) ma, al momento, non abbiamo ancora ricevuto risposte. Nel frattempo cercheremo di attuare percorsi di condivisione con i sindacati: quello che, legittimamente, riteniamo di fare consiste nell'indire i concorsi per le figure da inserire nel piano fabbisogni, in cui stiamo cercando di far rientrare anche gli psicologi”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium