/ Politica

Politica | 21 giugno 2021, 19:09

Siti nucleari, gli amministratori locali si appellano ai parlamentari piemontesi

Città metropolitana e i sindaci di Chivasso, Carmagnola, Mazzè, Rondissone, Poirino, Caluso e Villareggia hanno chiamato a raccolta online i deputati

rifiuti nucleari

Siti nucleari, gli amministratori locali si appellano ai parlamentari piemontesi

Si avvicina il 5 luglio, scadenza fissata dopo una proroga per presentare le osservazioni al documento di Sogin che ha individuato i siti potenzialmente idonei a ospitare il deposito nazionale delle scorie nucleari.

La Città metropolitana di Torino e i sindaci dei Comuni coinvolti - Chivasso, Carmagnola, Mazzè, Rondissone, Poirino, Caluso, Villareggia - preoccupati dal fatto che l'allarme sul rischio di insediamento sia calato, oggi hanno chiamato a raccolta online i parlamentari piemontesi. La richiesta è che si attivino perché a Roma le scelte siano fatte tenendo conto delle osservazioni degli esperti.

Nel corso della riunione si è appreso che la Regione Piemonte negli ultimi giorni ha deliberato la sua contrarietà a ospitare il deposito. Soddisfatto il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, che ha chiesto di condividere quanto prima con i sindaci e la Città metropolitana il contenuto del documento. "Per noi - afferma Marocco - è una conferma del buon lavoro svolto dalla Città Metropolitana insieme alle amministrazioni locali nel preparare le osservazioni".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium