/ Attualità

Attualità | 29 aprile 2016, 07:09

Un aiuto per chi rimane, il sostegno al lutto della Fondazione Fabretti

Sportello di ascolto telefonico a Torino e diversi gruppi di Auto Mutuo Aiuto

Un aiuto per chi rimane, il sostegno al lutto della Fondazione Fabretti

Essere ascoltati e aiutati nel delicato momento del lutto. "Un aiuto per chi rimane" è il servizio di sostegno gratuito fornito dalla Fondazione Fabretti onlus, istituzione culturale italiana nata nel 1999 per volontà della Socrem (Società per la cremazione).

È aperto a Torino uno sportello di ascolto telefonico dedicato al lutto. Basta chiamare il numero  346 8649 355: risponde la responsabile del progetto Arianna Garrone per fissare un appuntamento individuale. Chi si rivolge allo sportello viene aiutato a scegliere la migliore strategia per gestire il proprio dolore, valutando tra percorsi con gruppi di auto mutuo aiuto, il volontariato, o un’eventuale terapia specifica.

"Attualmente si riuniscono gruppi di auto mutuo aiuto ogni giorno della settimana - spiega Cristina Vargas, direttore scientifico della Fondazione Fabretti -: l'obiettivo è quello di creare una rete di persone disposte ad aiutarsi a vicenda".

I gruppi offrono la possibilità di esercitare attenzione ai propri corpi e alle proprie menti, ai comportamenti, alle relazioni, e possono aiutare altri a fare lo stesso. Non solo offrono supporto, ma restituiscono alla persona competenza, senso di sé, ruolo sociale, possibilità di nuovi legami.

Un percorso che passa anche attraverso gesti semplici, come una telefonata il giorno di Natale, un aiuto in cucina a un vedovo che non aveva mai messo mano ai fornelli, o ancora un passaggio in auto per una visita in ospedale.

La condivisione del dolore porta il soggetto che ha perso un congiunto a ritrovare il giusto equilibrio nella sua vita. "Non ci sono tempistiche stabilite - spiega Cristina Vargas -, ma c'è chi rimane come testimone per aiutare i nuovi arrivati. Si tratta della figura dei facilitatori: persone che hanno seguito una formazione specifica e che soprattutto hanno vissuto in prima persona la perdita, elaborandola attraverso un gruppo di auto mutuo aiuto. Un sapere che nasce dall'esperienza".

Il gruppo di auto mutuo aiuto è un tipo di sostegno indicato per il lutto normale. In caso di lutto patologico può essere affiancato come strategia complementare insieme ad altre risorse.

La validità del progetto e i risultati conseguiti fanno sì che presto verranno attivati sportelli di ascolto in altre province del Piemonte. La Fondazione Fabretti ha pensato anche agli adolescenti: a breve verranno avviati dei gruppi condotti per adolescenti che stanno affrontando un lutto o un caso di grave malattia in famiglia.

"Un aiuto per chi rimane" è un progetto della Fondazione Fabretti, cofinanziato dalla Fondazione CRT con il supporto della Socrem e dell'Istituto Counseling Artemisia.

Il servizio è aperto a tutti coloro che hanno vissuto l'esperienza del lutto e sentono la necessità di un ausilio per superare il dolore della perdita, indipendentemente da condizioni sociali, religione, cultura o etnia di appartenenza. Per accedervi, occorre telefonare alla Fondazione Fabretti al numero 346 8649 355 oppure inviare una mail all'indirizzo sostegnolutto@fondazionefabretti.it. In caso di mancata risposta telefonica, si verrà richiamati in tempi rapidi.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium