/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 15 ottobre 2018, 07:02

Trofarello, protestano gli addetti delle cooperative che montano i mobili Ikea: "Oggi tutto a tasso zero, tanto gli interessi li paghiamo noi" (FOTO)

Manifestazione dei lavoratori davanti alla Gruppo AF - Zust Ambrosetti, che poi si sposterà davanti alla famosa catena svedese di mobili

Trofarello, protestano gli addetti delle cooperative che montano i mobili Ikea: "Oggi tutto a tasso zero, tanto gli interessi li paghiamo noi" (FOTO)

Hanno scelto un lunedì mattina quando il sole è ancora lontano dal sorgere, i lavoratori delle cooperative della logistica, per far sentire la propria voce. Proprio in queste ore, infatti, a Trofarello, di fronte alla sede di Gruppo AF - Zust Ambrosetti, si sono ritrovati i manifestanti insieme ai sindacati di Filt Cgil.

Una protesta che poi avrà il suo termine davanti all'Ikea di Torino, mentre i contenuti sono espressi in un volantino che i manifestanti stanno distribuendo. "Nuova promozione. Oggi tutto a tasso zero, gli interessi li pagano i lavoratori delle cooperative della logistica".

Un attacco a strategie che vedono sempre di più abbassare i prezzi, ma che finiscono - secondo quanto sostengono gli addetti - su chi poi deve fare il lavoro di consegna e montaggio. "Lavoratori sfruttati dalla committente, quelli che montano in una sola giornata di lavoro oltre sei metri di cucina, soggiorni e camere da letto. Ci impongono di essere sorridenti, con i clienti, ma con i carichi di lavoro che ci massacrano la schiena, scusateci ma non sempre il sorriso ci riesce".

Da qui la decisione di manifestare. "Siamo al colmo della pazienza, senza attrezzature adatte. E non possiamo nemmeno lamentarci perché altrimenti scattano immediati i provvedimenti disciplinari e i licenziamenti, come già accaduto ad alcuni colleghi. Per sfinimento, siamo costretti a rassegnare le dimissioni dal posto di lavoro. Questo è sfruttamento". E nella giornata di oggi, in maniera simbolica, saranno forniti alla clientela alcuni set per il montaggio dei mobili.

L'appello, infine, è rivolto anche a Ikea stessa: "Non nascondere la testa sotto la sabbia: oltre al dovere solidale nei confronti di questi lavoratori hai anche un dovere morale", è l'invito con cui si conclude il documento.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium