Strade aperte | 13 febbraio 2020, 20:03

"Sì alla solidarietà, no al razzismo. Forza Cina, Forza Wuhan!": pensieri dei partecipanti di oggi al Flash Mob in Piazza Castello organizzato dall’istituto Confucio [VIDEO]

Persone di età e provenienza diversa si sono riuniti per lanciare un messaggio di vicinanza alla comunità cinese e al mondo intero. Alcuni hanno voluto condividere con Torino Oggi sentimenti personali riguardo agli effetti sociali del Coronavirus

"Sì alla solidarietà, no al razzismo. Forza Cina, Forza Wuhan!": pensieri dei partecipanti di oggi al Flash Mob in Piazza Castello organizzato dall’istituto Confucio [VIDEO]

 

"Vicini dalla comunità cinese, lontani dal razzismo. È un nuovo corona virus, non è un virus cinese. Sì alla solidarietà, no al razzismo. Forza Cina, forza Wuhan!”. È questo lo slogan con cui si è aperto oggi il flash mob in Piazza Castello, organizzato dall’istituto Confucio dell’Università di Torino in collaborazione con diverse associazioni italo-cinesi.

L’iniziativa è nata per necessità di lanciare un messaggio di vicinanza e di speranza all'intera comunità cinese presente a Torino e alla Cina stessa. Da quando la notizia del Coronavirus si è diffusa, l’opinione pubblica è radicalmente mutata, sfociando in atteggiamenti razzisti e in un disastroso calo di clientela nelle attività cinesi.

"Il Coronavirus non è una malattia specificamente cinese. Perché avere paura di un cinese e non di un americano? Dobbiamo lottare, condividere e amare insieme". Queste sono le parole di una studentessa del Politecnico e membra di ASCIC (Associazione per lo scambio culturale Italia-Cina). "Non dovremmo essere spaventati – continua la ragazza – Abbiamo bisogno che la comunità cinese venga capita e supportata".

Stefania Scafutti, direttrice dell’Istituto Confucio e professoressa di lingue e culture dell’Asia all'Università di Torino, sostiene di non voler mollare e resistere in questa missione fino alla fine. Sottolinea l’importanza dell’integrazione, ormai consolidata da tempo, del popolo cinese nella città di Torino, soprattutto grazie ai numerosi scambi universitari che ogni anno accolgono un gran numero di studenti cinesi: “studenti e adulti sono parte della nostra città e noi vogliamo contribuire a farli sentire a casa loro, a farli sentire come noi. Affermiamo dissenso nei confronti di comportamenti razzisti”.

In molti sono fiduciosi che questo sentimento di paura generalizzato e ingiustificato, oltre che ingiusto, si attenuerà. Mostrare sostegno con una manifestazione pacifica è un metodo efficace che fa sentire la popolazione cinese parte integrante di una comunità solidale. Favorevole è il messaggio di uno studente del Convitto Umberto I: “Vedo comportamenti poco consoni di alcuni miei amici nei confronti dei cinesi. Io cerco di fargli capire che non c’è nulla di cui temere e che questo è sbagliato. Trasformare una malattia in discriminazione non è accettabile”. Il professore di cinese del Convitto Umberto I è molto contento dei suoi studenti e del lavoro che stanno facendo nell’esprimere sostegno attraverso sentimenti di fratellanza nei confronti dei loro coetanei cinesi.

Ciononostante, il coronavirus, rispetto alla SARS, ha generato un forte allarmismo anche a causa della crescita di accesso all’informazione tramite i media digitali. Una delle insegnanti di cinese all’Istituto Confucio dimostra la sua preoccupazione a riguardo “personalmente, non sono stata vittima di atteggiamenti razzisti. Purtroppo, però, molti lo sono. I miei amici mi hanno confessato con sincerità di avere paura – continua - Ho vissuto nel 2003 la diffusione della SARS, ma non si è creata una simile situazione. Questo è dovuto, in parte, dalla mediatizzazione del virus”.

Stefania Scafutti afferma che la città di Torino si sta muovendo per fermare la diffusione di comportamenti discriminatori. Continuare a frequentare ristoranti cinesi e non aver timore di incontrarli per strada sono le tecniche da adottare per evitare che il virus del razzismo si diffonda sempre di più nell’opinione pubblica, aumentando la sofferenza di un popolo che non ha colpe.

 

Giulia Amodeo

Leggi tutte le notizie di STRADE APERTE ›

Giulia Amodeo

Ogni forma d’arte mi affascina e la passione per la scrittura mi accompagna fin dalle scuole Elementari. Nata a Priverno (LT), sono laureata in Comunicazione Interculturale e attualmente studio Comunicazione, ICT e Media. Dopo due anni di scoperta della cultura francese e molti viaggi alle spalle, che mi hanno educata al rispetto e all’amore delle diversità, sono arrivata a Torino, dove vivo ormai dal 2016.

Strade aperte
Questa rubrica nasce convogliando insieme viaggi, scrittura e un’identità culturale fluida e in costante arricchimento grazie all’incontro con l’altro. L'obiettivo è raccontare la multiculturalità che fa di Torino una delle città più ricche e accoglienti. Quartieri carichi di fascino sono popolati da persone di diversa provenienza e cultura. Si parla di storie di vita, di festività nazionali provenienti da tutto il mondo, di lotte pacifiche di natura sociale, di comunità. Culture, ma anche altro, soprattutto con la collaborazione di chi rappresenta le numerose comunità straniere presenti nel territorio piemontese: i Consoli.

Leggi anche

martedì 02 giugno
martedì 19 maggio
domenica 03 maggio
domenica 26 aprile
domenica 05 aprile
domenica 22 marzo
domenica 15 marzo
sabato 07 marzo
giovedì 27 febbraio
lunedì 24 febbraio
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium