/ Politica

Politica | 14 gennaio 2021, 17:32

Elezioni, Boni: "Se ci aveste scoltati il 7 febbraio avremmo avuto il candidato sindaco di tutto il centrosinistra"

Il leader dei Radicali e aspirante candidato alle primarie: "Ora basta ambiguità"

Igor Boni, leader dei Radicali in Piemonte, con mascherina (abbassata)

Igor Boni, Radicali

"Per evitare ogni polemica inutile dico subito che il PD ha tutto il diritto di fare tutto quel che crede per selezionare il proprio candidato o i propri candidati. Ci mancherebbe. Io parto da considerazioni relative a tutta la coalizione e dico che se ci avessero ascoltati e non si fosse inopinatamente sospeso il processo che avevamo insieme deciso di realizzare con le primarie, il 7 febbraio avremmo avuto il nostro comune candidato sindaco. Questo è un fatto e noi abbiamo fatto di tutto per ottenere questo risultato". Lo dichiara Igor Boni, leader dei radicali in Piemonte e aspirante candidato alle primarie del Centrosinistra.

"Invece siamo passati dal candidato da tirare fuori dal cilindro, al candidato buttato sui titoli di giornale, al sondaggio per scegliere il migliore fino agli appelli su change.org. Questa spirale che sta virando alla farsa deve cessare e dobbiamo riprendere l'unica strada possibile: le primarie, la parola ai cittadini, il confronto sulle visioni della città. Chi vuole candidarsi depositi la propria candidatura e faccia conoscere, come io ho fatto, il proprio programma, riattivando il percorso. Facciamo le primarie ordinatamente con le file di elettori muniti obbligatoriamente di mascherina e con distanziamento, esattamente come accade ogni giorno in città in ogni quartiere di fronte a tutti gli uffici postali. Si possono fare le file di fronte agli uffici postali con decine di persone? Si. E allora possiamo fare le primarie, magari anche con il supporto delle tecnologie accoppiando primarie in presenza e primarie on-line".

"Invito i candidati a farsi sentire sugli organi di informazione per parlare di idee e progetti e non favorire questo fiume di inchiostro su chi sta con chi e chi contro chi e su chi sgambetta chi e chi sostiene chi. Torino merita di più. Per questo occupo da mesi le mie giornate ad ascoltare i cittadini che hanno voglia di proporre la loro idea, a girare tutti i quartieri, a costruire una squadra, ad ascoltare esperti su vari settori, a costruire alleanze e partecipazione, alla passione per Torino".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium