/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 28 gennaio 2022, 11:55

La Regione finanzia 46 progetti dedicati allo "Stare bene a scuola"

L'assessore Chiorino: "Benessere scolastico priorità assoluta". 20 i progetti presentati per la provincia di Torino

Elena Chiorino

L'assessore regionale all'Istruzione Elena Chiorino

Ampliare l’offerta formativa attraverso progetti esclusivamente dedicati al benessere scolastico: questa la finalità del bando istituito alla fine di ottobre 2021 e promosso dall’assessore all'istruzione Elena Chiorino per la costituzione di progetti rivolti allo “stare bene a scuola”, in un contesto socio-relazionale positivo, all’interno di ambienti di studio e di apprendimento stimolanti, in cui gli studenti possano essere sempre più coinvolti e partecipi per poter esprimere i loro bisogni e sentirsi valorizzati nelle proprie competenze.

Perché il benessere scolastico, oltre ad essere un diritto, è anche una condizione prioritaria da garantire a tutti gli studenti che mai come in questo momento – ha sottolineato l’assessore – hanno bisogno di tornare a vivere il più normalmente possibile la scuola”. Ad aggiudicarsi i fondi saranno ben 46 istituti su tutto il territorio piemontese. L’Assessorato all’Istruzione ha già provveduto all’esito delle istanze presentate proprio per consentire alle scuole ammesse al finanziamento di attivare i progetti il prima possibile per coinvolgere ragazzi durante l’anno scolastico in corso.

I progetti presentati sono così distribuiti sulle province piemontesi:

  • 20 nella Città metropolitana di Torino
  • 10 nel Cuneese
  • 7 nel Vercellese
  • 3 nell’Alessandrino
  • 2 nell’Astigiano
  • 1 nel Verbano Cusio Ossola

I progetti saranno finanziati con un importo complessivo di 207 mila euro, per un importo massimo di 5 mila euro per ciascun intervento. Tra le progettualità presentate dalle scuole secondarie si rilevano laboratori per favorire l’espressività degli studenti, attraverso musica, teatro, forum letterari, mostre, booktherapy; attività sportive come escursioni, tornei e uscite di rafting .

E ancora dibattiti, collaborazioni con associazioni e anche con il Cnr, spazi pomeridiani di socializzazione per dare vita ad attività di condivisione di esperienze, volte a far emergere situazioni di eventuale disagio. Tra i progetti più originali si segnala la nascita anche di una radio degli studenti presso l’Istituto C. Cavour di Vercelli.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium