/ Sport

Sport | 22 maggio 2023, 20:20

La Juve ripiomba nell'inverno (e fuori dalla zona Champions): -10 per la vicenda plusvalenze

La corte federale ha accolto quasi per intero la nuova richiesta della procura della Figc. E all'orizzonte c'è anche il rischio che l'Uefa decida di escludere i bianconeri dalle coppe nella prossima stagione

ex dirigenti juve

La Juve torna fuori dalla zona Champions): - 11 per la vicenda plusvalenze

Siamo quasi a fine maggio ma per la Juve è stato come ripiombare in pieno inverno. -10, così ha deciso la corte federale della Figc per la vicenda plusvalenze. Una penalizzazione che riporta la squadra bianconera, fino alle ore 20 seconda in graduatoria, fuori dalla zona Champions.

La procura aveva chiesto 11 punti

La procura della Figc, guidata da Giuseppe Chiné, aveva chiesto alla Corte federale d'appello 11 punti di penalizzazione in classifica per la Juventus e otto mesi di inibizione per gli ex 7 dirigenti bianconeri coinvolti nel caso delle plusvalenze. L'udienza, iniziata poco dopo le ore 10, si è conclusa attorno alle 13 dopo che era stato il turno dei legali della difesa della Juventus. Quindi una lunga camera di consiglio, che si è conclusa in serata, pochi minuti prima del fischio d'inizio del posticipo di Empoli.

La Corte ha invece prosciolto dalle incolpazioni ascritte gli ex dirigenti Pavel Nedved, Paolo Garimberti, Assia Grazioli Venier, Caitlin Mary Hughes, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio ed Enrico Vellano.

Il ritorno alla Corte Federale

La Corte federale era stata chiamata nuovamente in causa dal Collegio di Garanzia del Coni, che aveva rinviato alla corte il procedimento, per la ridefinizione del -15 inizialmente inflitto ai bianconeri, avendo la stessa accusa riscontrato alcune carenze nella motivazione che aveva portato ad infliggere il pesante handicap lo scorso gennaio.

D'altra parte, che tirasse una brutta aria per la Juve era chiaro fin dalla prima mattina. "Verosimilmente sarà una penalizzazione che dovrebbe sbarrare la strada verso la Champions League. Ora ricordiamoci che le coppe europee sono tre, ma certamente il valore in termini economici di andare in Champions o in un'altra coppa è significativo, sono quasi 5 volte tanto". Così Evelina Christillin, membro aggiuntivo della Uefa nel Consiglio della Fifa e tifosa bianconera, aveva dichiarato a Radio Anch'io Sport su Rai Radio 1.

Rischio esclusione da parte dell'Uefa

E potrebbe non essere ancora finita qui. Non tanto e non solo perché il 15 giugno ci sarà il processo a seguito del deferimento per il secondo filone di inchiesta, quello relativo alla questione stipendi (quelli pagati in nero durante il periodo del primo lockdown, ndr), ma perché anche la Uefa potrebbe decidere di punire la Juve. "C'è anche questa variabile: nel momento in cui le sentenze italiane diventano definitive, poi verranno prese delle decisioni anche in sede Uefa. Juve esclusa dalle coppe dalla Uefa? Scenario possibile", ha aggiunto la Christillin. Insomma, i guai per la Vecchia Signora sembrano non essere finiti qui.

Juve: "Possibile il ricorso al Coni"

Poco dopo la comunicazione della sentenza, la Juventus ha diffuso un breve comunicato: "Il Club prende atto di quanto deciso poco fa dalla Corte d’Appello della FIGC e si riserva di leggere le motivazioni per valutare un eventuale ricorso al Collegio di Garanzia presso il CONI. Quanto statuito dal quinto grado di giudizio in questa vicenda, iniziata più di un anno fa, suscita grande amarezza nel club e nei suoi milioni di tifosi, che, in assenza di chiare regole, si trovano oltremodo penalizzati con l’applicazione di sanzioni che non sembrano tenere conto del principio di proporzionalità".

"Pur non ignorando le esigenze di celerità, alle quali la Juventus non si è mai sottratta nel corso del procedimento, si sottolinea che si  tratta  di fatti che debbono ancora essere giudicati dal giudice naturale", ha concluso la società bianconera.

m.d.m.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium