/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 18 giugno 2024, 11:41

Ogr palcoscenico per le tecnologie emergenti delle città future: a Torino c'è chi realizza power bank per auto elettriche

Questa mattina 400 persone si ritrovate per il 1° "Roadshow internazionale" della Casa delle Tecnologie Emergenti

Ogr palcoscenico per le tecnologie emergenti delle città future: a Torino c'è chi realizza power bank per auto elettriche

Oggi il capoluogo piemontese diventa palcoscenico internazionale per le tecnologie emergenti applicate alla città del futuro. Questa mattina alle OGR si sono ritrovati oltre 400 persone, provenienti da 30 paesi diversi, per il primo "Roadshow internazionale" della Casa delle Tecnologie Emergenti organizzato dal Comune di Torino in collaborazione con la Camera di Commercio. 

CTE NEXT

Obiettivo è anzitutto mettere insieme PA, Centri di Ricerca, Imprese e comunità di pratica a livello internazionale per confrontarsi su come le tecnologie emergenti - intelligenza artificiale, loT e blockchain - insieme al 5G/6G stiano ridefinendo i servizi urbani nelle città europee e mondiali in diversi settori e a supporto di migliori servizi per il cittadino. A circa tre anni all'avvio, CTE NEXT ha creato una community di oltre 600 imprese, di cui 150 servite e oltre 35 sperimentazioni. 

Numeri ricordati in apertura dell'assessore all'Innovazione Chiara Foglietta, che ha aggiunto: "Da esperienze culturali e didattiche in metaverso, all'uso di droni per attività di monitoraggio o ancora di consegne di materiali bio-medicali. E ancora diversi esempi di soluzioni

abilitate dall'intelligenza artificiale anche a supporto della transizione verso la

neutralità climatica, nuovo filone del programma".

200 incontri 

Un evento che per la Camera di Torino, come ricorda il Presidente Dario Gallina, è l'occasione di fare incontrare le start up e pmi locali con partner e buyer stranieri: sono 200 gli incontri B2B già previsti. E tra le 20 realtà ospiti dell'area demo c'è la start up Reefilla: i tre fondatori, dopo un passato in Stellantis, hanno deciso di lanciare un servizio di ricarica per veicoli elettrici.

 "Abbiamo realizzato - spiega Pietro Balda, uno dei co-founder - una colonnina di ricarica mobile, una sorta di grosso power bank per ricaricare auto elettriche in quelle situazioni dove non c'è abbastanza potenza o non si può creare l'infrastruttura come per gli eventi o nei test drive". In parallelo con Iveco e Stellantis hanno dato il via ad una collaborazione per riutilizzare le batterie delle auto. "L'idea - ha spiegato - è di prendere accomulatori con 5-10 anni di età e, dopo averne valutato lo stato di salute, riposizionarli per un seconda vita portando avanti il tema del riciclo e spostando la soglia della discarica". 

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium