/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 21 agosto 2019, 16:36

Entra nel mondo dei maker e del DIY

DIY e’ un acronimo inglese che indica il “Do It Yourself” letteralmente traducibile con “Fallo da solo” e si riferisce al mondo del fai-da-te moderno, che coniuga l’artigianato con le nuove tecnologie.

Immagini: Davide Gomba – Crediti: Tedx Castelfranco Veneto

Immagini: Davide Gomba – Crediti: Tedx Castelfranco Veneto


L’edizione zero dell’Italian Tech Week, tenutasi a Torino l’ultima settimana di giugno ha visto oltre 8000 persone coinvolte in un evento in nome dell’innovazione e delle nuove tecnologie che ha riscosso moltissimo successo. Si tratta di una delle numerose iniziative per fare massa critica tra eventi e realtà legati all’innovazione che si svolgono a Torino, come la Torino Mini Maker Faire, lo Share Festival, il co-working space ToolBox e il FabLab. Tutte queste realtà riuniscono il mondo dei makers e del DIY, ovvero una variegata comunità internazionale e un vivace movimento culturale in aumento in tutto il mondo.

Chi sono i Maker e il mondo del DIY

DIY e’ un acronimo inglese che indica il “Do It Yourself” letteralmente traducibile con “Fallo da solo” e si riferisce al mondo del fai-da-te moderno, che coniuga l’artigianato con le nuove tecnologie. Questo mondo riunisce creatori di ultima generazione, inventori, appassionati di tecnologia, artigiani e anche studenti, formatori e molto di più, che usano attrezzi tradizionali e software e macchinari di ultimo grido per creare gli oggetti più disparati e dare vita a progetti di ogni tipo. Un oggetto come ad esempio un avvitatore elettrico può essere la bacchetta magica per fare trecce di fili elettrici o buchi su scatole o persino per limare o trattare un materiale.

FabLab

Una delle fucine calde dove si ritrovano i makers sono i FabLab, ovvero laboratori di sperimentazioni tecnologiche o officine di fabbricazione digitale dove gli utenti trovano attrezzature ed esperti per sbizzarrire la propria fantasia creativa e arricchire le proprie conoscenze nel campo delle nuove tecnologie. In Italia il primo FabLab è nato a Torino nel 2011 in occasione di un’iniziativa per i 150 anni dell’Unità d’Italia ed è ora un punto nevralgico della città dove vengono proposti workshop di vario tipo e dove, dietro tesseramento annuale, si ha accesso a strumenti computerizzati e macchinari. Scoprine di più visitando il sito ufficiale della sede torinese.

Maker Faire

Le Maker Faire sono eventi di solito della lunghezza di un weekend, in cui si celebra la cultura del fai-da-te degli artigiani digitali della nostra epoca.

Prossimi appuntamenti imperdibili in Italia?

Maker Faire Rome – 18-20 Ottobre 2019: Il più grande evento europeo sull’Innovazione torna a grande richiesta per la settima volta! Consultate il sito ufficiale per un’anteprima su programma, attività ed espositori dell’edizione 2019! Sono ancora aperte le iscrizioni per partecipare con un progetto creativo, workshops o esibizioni! Scopri come partecipare cliccando qui.

Torino Mini Maker Faire – Maggio 2020 - date da confermare, rimanete aggiornati visitando il sito.

Due domande a Davide Gomba, il curatore della Torino Mini Maker Faire e uno dei fondatori di FabLab Torino

Cosa significa essere un maker oggi?

Maker è un termine americano che non ha una vera e propria traduzione in Italiano, ma è sostanzialmente un approccio attivo nei confronti della tecnologia, sia essa educativa (ad esempio i laboratori di introduzione al coding proposti dai FabLab) o resiliente (come le attività portate avanti da Astelav e Rigeneration, per allungare la vita degli elettrodomestici riparandoli), fino alla creazione di nuove realtà aziendali e start-up.

Come si evolverà questo mondo nei prossimi dieci anni?

Il mondo dei makers dovrebbe concentrarsi sul trovare domande interessanti. Il problema essenziale per me come curatore della Torino Mini Maker Faire è il rapporto al cittadino con la società dei consumi. Da qui il riciclo, una cittadinanza tecnologica più consapevole e un’attenzione all’ambiente. Economie circolari con catene più corte, come il tentativo di costruire le macchine di Precious Plastic o il parlare di elettrodomestici Open Source.

ip

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium