/ Politica

Politica | 16 aprile 2020, 16:50

Coronavirus, Grimaldi (Luv): "Mascherine ai piemontesi, Lega tra gaffes e propaganda per coprire una palese inadeguatezza"

"Vorremmo sapere dalla Giunta come verranno distribuiti i DPI, come intende spiegare alla popolazione il loro utilizzo e che tipo di dispositivi sono, come si sta muovendo per evitare il 'caro mascherine'"

Coronavirus, Grimaldi (Luv): "Mascherine ai piemontesi, Lega tra gaffes e propaganda per coprire una palese inadeguatezza"

Oggi pomeriggio il Consiglio Regionale darà il via libera al testo di legge che all'articolo 1 recita: "al fine di far fronte all’emergenza sanitaria in atto nella Regione Piemonte, connessa alla diffusione dei contagi da Covid-19, la Giunta regionale, ai sensi degli articoli 15 e 16 del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per le famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19), è autorizzata all'acquisto e distribuzione di mascherine a uso sociale per tutta la popolazione piemontese".

"Purtroppo", dichiara il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, "la Lega non ha il senso dell'opportunità, continua a dire che va tutto bene e a confondere se stessa con la Regione. Le mascherine saranno acquistate attraverso le donazioni pervenute dalle imprese e dai privati per l'emergenza Covid, grazie al fatto che il Consiglio ha autorizzato una variazione di bilancio. Non è certo la Lega a regalare mascherine a tutti i piemontesi".

"D'altra parte", prosegue Grimaldi, "siamo abituati a un partito capace di dire tutto e il contrario di tutto: 'Apriamo, chiudiamo, riapriamo di nuovo' a seconda del momento e dell’instant poll dettato da Salvini, pronto a imitare il modello Lombardo senza alcuna riflessione e a scaricare le colpe degli errori su chiunque. Quest'ultimo scivolone è la cifra del loro stile. Oltre alla gaffe, il numero di comunicati e di grafiche già pronte ci fa capire che questa campagna social e le mascherine stesse per loro, più che dal Covid, servono a coprirsi da una palese inadeguatezza. Le mascherine, invece, sono una cosa seria e avrebbero dovuto disporne innanzitutto e subito tutti coloro che lavorano là fuori per ognuno di noi. Ora vorremmo sapere dalla Giunta come verranno distribuiti i DPI, come intende spiegare alla popolazione il loro utilizzo e che tipo di dispositivi sono, come si sta muovendo per evitare il 'caro mascherine' nelle farmacie e non solo".

Anche il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle si unisce alle polemiche: "Stigmatizziamo il comportamento di alcuni Consiglieri regionali leghisti che hanno provato ad intestarsi il merito per l'acquisto di mascherine anziché ringraziare i donatori". 

"I dispositivi di protezione individuale saranno acquistati infatti attraverso il fondo istituito dalla Regione Piemonte per il Covid19 sul quale hanno donato il proprio contributo cittadini privati, tra questi anche i Consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle. Non è quindi, come si vorrebbe far credere, un'operazione finanziata dalla Regione Piemonte, né tantomeno dalla Lega, ma anzi è realizzata solo grazie alla generosità di molti cittadini".

"La propaganda della Lega è quindi fuori luogo, i Consiglieri regionali leghisti chiedano scusa ai Piemontesi e rimuovano subito le immagini di questa propaganda inopportuna". 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium