/ Cronaca

Cronaca | 19 gennaio 2021, 20:14

Anarchici in corteo nel quartiere Aurora: "Vogliono toglierci tutto". Scritte contro Appendino [FOTO]

Protesta da via Cecchi a Corso Giulio Cesare dopo lo sgombero di questa mattina. Esposti vari striscioni e volantini: "Non è tempo di sperare rivolta nelle strade". Presenti almeno 250 manifestanti

Protesta degli anarchici nel quartiere Aurora

La protesta degli anarchici nel quartiere Aurora

Un corteo di circa 250 persone, tra anarchici e antagonisti, è partito questa sera dal cortile di Radio Blackout, in via Cecchi a Torino. I manifestanti protestano contro lo sgombero di questa mattina della palazzina occupata di corso Giulio Cesare 45, dove sembrano ora essere diretti. In realtà, alle 21, il corteo si è fermato in piazza Crispi, in zona barriera di Milano. Ingente lo schieramento di mezzi e uomini della polizia. In particolare l'isolato compreso tra via Bra, via Carmagnola, corso Giulio Cesare e corso Vercelli è blindato da cordoni di forze dell'ordine.

"Difendiamoci da chi vuole toglierci tutto", si legge su un volantino che i manifestanti hanno attaccato ai muri del quartiere Aurora. "Non possiamo più stare fermi e zitti - prosegue il documento - perché ogni giorno i signori che stanno al caldo nelle sale politiche decidono sulle nostre vite come un gioco. Le nostre vite non sono il loro perverso passatempo".

"Quando la bomba sociale esploderà - si legge in un altro documento - chi è di carta pesta brucerà". E infine, su uno striscione: "Non è tempo di sperare, rivolta nelle strade".

Tantissime le scritte lasciate poi dai manifestanti sui muri e anche sui mezzi pubblici, con minacce e riferimenti anche nei confronti della sindaca, Chiara Appendino.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium