/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 09 settembre 2021, 17:42

Il Regio da lunedì sospende i lavoratori privi di Green Pass, Frediani (M4O): "Forzatura inutile". Sindacati sul piede di guerra

"Auspichiamo un passo indietro da parte del Teatro". D'accordo anche Jessica Costanzo (L'Alternativa C'è)

prove al teatro regio

Il Regio da lunedì sospende i lavoratori privi di Green Pass, Frediani e sindacati sul piede di guerra

Il Teatro Regio ha informato che, da lunedì prossimo, i lavoratori che saranno sprovvisti di green pass, saranno sospesi e resteranno senza stipendio. "Una decisione poco corretta, una forzatura poco utile alla tutela della salute della comunità, soprattutto in assenza di indicazioni nazionali chiare", ha attaccato Francesca Frediani, Consigliera regionale del Movimento 4 Ottobre Piemonte.
"Il Regio risulta infatti il primo ente teatrale pubblico a prendere una posizione tanto netta. Se ogni realtà dovesse muoversi e regolarsi in modo autonomo l’unico effetto sarebbe un far west senza alcun beneficio per la salute pubblica", aggiunge l'esponente del M4O. "Auspichiamo quindi un passo indietro da parte dell’ente che invece potrebbe estendere, almeno in un primo momento, la spesa per rimborsare il tampone antigenico a tutti dipendenti sprovvisti di pass, senza distinzione fra chi non è vaccinato per ordine del medico o per propria scelta".

"Esasperare i toni, separando i buoni dai cattivi, è una politica controproducente di cui in questo momento non sentiamo affatto la necessità", ha concluso Frediani, trovando d'accordo sul punto anche la deputata torinese Jessica Costanzo (l’Alternativa C’è): "La sospensione dei dipendenti sprovvisti di Green Pass da parte del teatro Regio di Torino è una scelta reazionaria, violenta e incostituzionale. Nessun teatro aveva assunto una decisione del genere fino ad oggi: purtroppo il Piemonte e la città di Torino fanno da apripista di una deriva pericolosissima“.

Sul piede di guerra i sindacati: in una nota congiunta sottoscritta da Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Cisal Fials si ritiene "sbagliata la proposta della Direzione del Teatro Regio di Torino che prevede, in caso di mancata esibizione del green pass, la sospensione della prestazione lavorativa e relativa retribuzione con conseguente divieto di accesso ai locali aziendali. Consideriamo inaccettabile questa fuga in avanti e rigettiamo l’ipotesi di sospensione della retribuzione e qualunque altro atto a danno delle lavoratrici e dei lavoratori".

"Ci riserviamo le tutele conseguenti in ogni sede", concludono i sindacati. "La tutela della salute è per noi una priorità. Invitiamo tutte e tutti alla vaccinazione".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium