/ BuonGiro

BuonGiro | 26 maggio 2023, 08:00

BuonGiro. L'Italia s'è desta con Zana. Roglic è vivo, Thomas regge. Le Tre Cime: benvenuti all'inferno

Battuto Pinot in Val di Zoldo. Joao sembra crollare ma perde solo 21 secondi. Oggi i capitani non andranno lasciati soli

BuonGiro. L'Italia s'è desta con Zana. Roglic è vivo, Thomas regge. Le Tre Cime: benvenuti all'inferno

Se l'Italia vince lo fa bene. Con indosso la maglia tricolore, in una tappa regina così come era successo per Davide Bais a Campo Imperatore, Filippo Zana regala speranza al ciclismo italiano.

Lui e Marco Frigo sono il futuro senza dubbio. Classe 99 entrambi devono crescere tanto ma hanno qualità. A mio avviso non per lottare più avanti per una top ten al Giro. Quello no. Li vedo come cacciatori di tappa, buoni scalatori. La loro fortuna è avere dietro squadre come la Jayco AlUla e la Israel che non gli metteranno pressioni per fare risultati.

Zana ha fatto sempre bene in questa edizione della Corsa Rosa: a supporto di Dunbar sul Monte Bondone dopo essere stato in fuga e poi nella Terni-Fossombrone, terzo all'arrivo. In quel caso gli era arrivato davanti, secondo, Gee, compagno di fuga ieri poi arrivato al traguardo quarto.

La sfida è stata con Pinot, vecchia volpe, tutto cuore, ora settimo in generale, che sarà alle ultime corse della carriera e che anche in Val di Zoldo ha dovuto ammainare bandiera bianca sul più bello. Il campione italiano infatti lo ha sverniciato in volata. Spettacolare. Da vedere e rivedere.

Dietro nel gruppo dei big i gregari sono stati fondamentali. Dennis-Bouwman e Kuss per Roglic sono stati preziosi con il loro forcing e lui stesso ha dato l'impressione di aver tenuto le energie per gli ultimi 3 giorni. Ho capito poco la tattica della Ineos che con Arensman e De Plus potevano fare molto di più per un Thomas che comunque sia si è difeso alla grande.

Ha patito Almeida, supportato alla grande da Vine (che però poi è andato dritto in discesa). Si sa, il portoghese quando sembra crollare poi invece limita i danni anche se lo sloveno della Jumbo però lo ha superato in classifica. Caruso lascia per strada un minuto ma è sempre cuore da vendere. Delude Carthy che perde tre posizioni in classifica.

Tappa comunque veramente più che apprezzabile.

-3 alla fine. Ecco l'inferno delle Tre Cime di Lavaredo. Che diesel questo Giro.

IL COMMENTO TECNICO di Marco Rebagliati

Tappa 19, la Longarone - Tre Cime di Lavaredo di 183 km con 5400 metri di dislivello.

Tappone Dolomitico con Passo Campolongo, Passo Valparola, Passo Giau, Passo Tre Croci e l'arrivo ai 2304 metri delle Tre Cime di Lavaredo (rifugio Auronzo) che sarà anche la "Cima Coppi" di questo Giro d'Italia.

Secondo giorno del trittico finale che deciderà questo Giro e sarà molto importante aver recuperato le energie dalla tappa di ieri perché oggi ci vorranno tutte.

Le squadre dovranno saper muovere bene i propri corridori per non lasciare isolati i capitani troppo presto. Staremo a vedere se il vincitore del Giro verrà fuori già oggi o se dovremo attendere la cronometro di domani.

Photo credit: LaPresse

Luciano Parodi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium