/ Politica

Politica | 27 febbraio 2024, 12:30

Cura e ricerca scientifica: unanimità per la legge sugli Irccs

Ravetti (Pd): "Ho voluto questa legge per promuovere le ricerca in Sanità"

Cura e ricerca scientifica: unanimità per la legge sugli Irccs

Ricerca scientifica pubblica negli istituti di ricovero: con 42 sì, il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità il testo unificato che contiene le Disposizioni in materia di Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) e Fondazioni Irccs.

Il provvedimento, licenziato ieri dalla quarta Commissione, è il testo unificato delle Proposte di legge di Alessandro Stecco (Lega) e Domenico Ravetti (Pd).

Nell’illustrare il testo, il relatore di maggioranza Stecco ha sottolineato “la necessità d’inserire nella normativa regionale il riconoscimento del ruolo degli Irccs e delle Fondazioni Irccs all’interno del Servizio sanitario regionale. Un riconoscimento che permetterà, nel caso delle Fondazioni, la presenza nel Cda di rappresentanti di soggetti pubblici quali la Regione, il Comune sede della Fondazione e il Ministero della Salute. Anche se per il momento il Piemonte non ne dispone, è necessario per la Regione avere un tessuto normativo che ne riconosca l’esistenza, l’organizzazione gestionale e direzionale che ne è alla base e le modalità di finanziamento pubblico e privato che permettano l’ottimizzazione delle risorse”. 

Il relatore di minoranza Ravetti ha sottolineato la necessità “di attrarre risorse pubbliche e private, elevare la qualità delle prestazioni sanitarie e di cura delle persone, generare poli di attrazione per ricercatori, in primo luogo i giovani, e indicare le strategie per la ricerca, mantenendo una guida saldamente pubblica”.

Ravetti ha inoltre presentato un ordine del giorno, anch’esso approvato all’unanimità, “per impegnare il presidente e la Giunta regionale ad attivarsi affinché ridefinisca e aggiorni il sistema della ricerca e innovazione del Piemonte anche attraverso la redazione di un documento tecnico quale il Piano regionale della ricerca sanitaria”

In particolare, si stabilisce che gli Irccs che hanno sede sul territorio piemontese sono parte integrante del Servizio sanitario regionale, nel cui ambito svolgono funzioni di alta qualificazione assistenziale, di ricerca e di formazione, che partecipano al sistema della ricerca nazionale e internazionale e promuovono l’innovazione e il trasferimento tecnologico. 
Per quanto riguarda le Fondazioni si stabilisce che esse perseguano finalità di ricerca, prevalentemente clinica e traslazionale (ricerca e terapia), in campo biomedico e nella gestione dei servizi sanitari ed effettuino prestazioni di ricovero e cura di alta specialità o svolgano altre attività di eccellenza. È garantita loro piena autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica, secondo la disciplina dei relativi Istituti. Nell’ambito di tale autonomia, inoltre, esse concorrono all’erogazione delle prestazioni sanitarie rientranti nei Lea.

L’assessore alla Sanità Luigi Icardi ha espresso apprezzamento “per il lavoro di sintesi su un tema così importante per il Piemonte. La Fondazione rappresenta la strada più efficace, veloce ed efficiente per raggiungere gli obiettivi di ricerca. Gli obiettivi li abbiamo, a cominciare dall’Irccs legato alle tematiche ambientali e al mesotelioma ad Alessandria e a Casale, in fase avanzata di riconoscimento. Il Centro trapianti delle Molinette, inoltre, avrebbe le carte in regola per essere riconosciuto come Irccs, così come il Regina Margherita, che ne ha iniziato il percorso”.

 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium