/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 20 giugno 2018, 14:00

Maturità 2018 al Galfer: le tracce del tema tra sorpresa e sollievo. Stravincono Alda Merini e La Solitudine (VIDEO)

I primi escono che non sono ancora le 13. Molto gettonata la traccia artistico-letteraria. E ora si pensa a matematica

Maturità 2018 al Galfer: le tracce del tema tra sorpresa e sollievo. Stravincono Alda Merini e La Solitudine (VIDEO)

Il tema, prima prova di italiano, al liceo scientifico Galileo Ferraris ha portato con sé un misto di sorprese e di conferme.

Marella è tra le prime a uscire, zaino in spalla e in mano un libro e una bottiglietta d'acqua. Intorno a lei è ancora piuttosto deserto il cortile che porta all'ingresso del liceo scientifico Galileo Ferraris. "Sono uscite tracce che non mi aspettavo, ma le ho trovate molto belle - dice con un certo sollievo -. Io ho scelto la traccia del saggio breve. Sono soddisfatta".

Nicoletta corre a casa a studiare matematica, perché domani si ricomincia. Ma anche lei è soddisfatta: saggio breve con indirizzo artistico. "Si parlava di Pirandello e di Hawking, ma alla fine non sono usciti. Invece ci si aspettava qualcosa su Aldo Moro e sulla Costituzione. Comunque tutte tracce molto interessanti".

Matilde, gonna lunga di un colore vivace e cellulare in mano spiega perché ha scelto la traccia artistico-culturale: "Mi è piaciuto il tema della solitudine, non era per nulla scontato. E mi ha sorpreso trovarlo come proposta letteraria piuttosto che nel tema libero. Non mi aspettavo invece la Costituzione come tema libero, ma come tema storico. Comunque ora mi prendo una pausa, prima della seconda prova di domani".
Passate le 13.30 i flusso di maturandi comincia a ingrossarsi. Giuseppe è visibilmente stanco, ma soddisfatto: "Anche io ho scelto la traccia artistico letteraria. Sono soddisfatto. Ma adesso devo concentrarmi su matematica per domani!".

Anche Whitney pensa già a domani: "Sarà tesa! Però sono contenta del tema. Anche io ho scelto il saggio breve artistico letterario, mentre non mi aspettavo il Giardino dei Finzi Contini o la bioetica. Ho scelto la solitudine".

E domani, calcolatrice alla mano, si ricomincia.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium