/ Cronaca

Cronaca | 23 luglio 2018, 14:35

La maschera da sub è difettosa: torinese fa causa a Decathlon di Grugliasco

Sotto accusa il modello "Easybreath", che copre tutto il viso. Chiesto un risarcimento

La maschera da sub è difettosa: torinese fa causa a Decathlon di Grugliasco

Ha rischiato di morire annegato mentre faceva snorkeling in Oman. Per questo, un timpanista del Teatro Regio di Torino ha deciso di fare causa a Decathlon di Grugliasco, dove ha acquistato la maschera modello "Easybreath" che, a suo dire, è stata la causa del suo incidente. L'uomo ha chiesto un grande risarcimento alla multinazionale. Il 26 luglio è prevista la mediazione.

L'episodio risale allo scorso 14 settembre, quando l'uomo si trovava in Oman per la prima dell'Aida. Un giorno ha fatto snorkeling nell'oceano Indiano ma, forse proprio a causa di un difetto della maschera, acquistata pochi giorni prima, non è riuscito a respirare e ha perso conoscenza. Soccorso dai colleghi, è stato trasportato in ospedale.

"La maschera era nuova e forse non idonea - hanno spiegato all'Ansa gli avvocati Ludovica e Renato Ambrosio - Chiediamo più attenzione nella vendita. Il nostro cliente ha una capacità polmonare ridotta per una scogliosi. Aveva già fatto snorkeling e non era successo nulla, forse questa maschera non era adatta a lui. E' stato fortunato, poteva morire".

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium