/ torinoggi.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinoggi.it | mercoledì 05 dicembre 2018, 07:10

Copertura, e-commerce e fotovoltaico: ecco come cambia il mercato di Santa Rita

Il consorzio presenterà il progetto in Comune. Si pensa anche di sostituire i veicoli a motore con gli elettrici. La vendita online partirà in via sperimentale e sarà poi estesa alla città

Copertura, e-commerce e fotovoltaico: ecco come cambia il mercato di Santa Rita

Con i suoi oltre 300 operatori è in assoluto uno dei mercati storici più grandi e frequentati di Torino, tanto da caratterizzare l'intero quartiere da cui prende il nome. E adesso il mercato di Santa Rita, divenuto consorzio nel 2016, sta per andare incontro a una nuova svolta. 

Verrà presentato questa sera, alle 18, in Circoscrizione 2 (nel centro civico della Cascina Giajone) il progetto di copertura dei banchi, ideato dai mercatali stessi in collaborazione con uno studio di architettura. Si tratta di una proposta che vuole andare incontro alle esigenze dei clienti e agevolare la fruibilità di corso Sebastopoli anche nei giorni di pioggia. "A causa del maltempo perdiamo circa 35 o 40 giornate all'anno di lavoro", spiega il presidente del consorzio Massimo Verra. "Abbiamo condiviso il prospetto con gli ambulanti, trovando un accordo comune fra tutti. Dopo il benestare della circoscrizione, lo presenteremo alla giunta comunale".

La copertura dovrebbe essere realizzata attraverso due strutture a forma di ventaglio, in vetro trasparente, direttamente attaccate a degli alti pali simili a lampioni della luce. Nel corso delle diverse stesure del progetto si è anche pensato di creare un collegamento mediante pannelli fotovoltaici, che consentirebbero un risparmio energetico notevole.

Ma non è tutto. Per assecondare l'urgenza di sostenibilità ambientale, il consorzio ha anche in mente di sostituire le strutture mobili a motore con l'elettrico. E una parte dei mezzi potrebbe essere ricaricata direttamente nella sede del mercato, dotandosi delle apposite stazioni. 

Di sera, il corso continuerebbe a essere adibito a parcheggio, rispettando gli orari specifici di allestimento banchi. E le auto si ritroverebbero così una copertura ad hoc sopra i loro tetti. 

Un percorso verso l'innovazione che tiene conto delle tante richieste dei residenti per una maggiore vivibilità dell'intera area mercatale, come rilevato in diverse occasioni anche dalla commissione di quartiere Santa Rita. La speranza è di rendere il flusso di clienti meno congestionato, diluendo il traffico e favorendo la convivenza tra abitanti e visitatori esterni. 

Un'innovazione che passa anche attraverso nuove forme di vendita. Il mercato di Santa Rita, infatti, sarà il primo a Torino in cui partirà l'e-commerce, con un sito dedicato dove fare un tour virtuale degli ambulanti aderenti e selezionare i prodotti, ricevendoli direttamente a casa in giornata. Il progetto, che prende il nome di StreetMarket360, vede la collaborazione di FIVA (Federazione Italiana Venditori Ambulanti) e ha individuato nel mercato nove banchi da includere nella piattaforma online, portatori di una tradizione che fa del consorzio un vivace punto di riferimento per la spesa quotidiana, dall'alimentare al vestiario. 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore